Lezioni di gestione della storia | 2500 ghiande per una nave

Quest’estate, riviviamo ogni settimana un risultato del passato per imparare una lezione di gestione.


Mark Tyson

Mark Tyson
Giornalismo

Luigi XIV voleva 120 navi. Erano necessarie più di 300.000 querce francesi. Ci vogliono 100 anni per crescere. Il suo ministro Colbert ha preso le provviste a portata di mano.

La Marina prende l’acqua

Quando ispezionò il porto di Tolone nel 1660, il giovane re Luigi XIV scoprì uno squadrone in avanzato declino.

Delle più o meno di 20 navi in ​​grado di navigare nella Royal Navy all’epoca, difficilmente due o tre avrebbero mai potuto dominare l’alto mare.

La 150a flotta britannica si schierò.

Immagine da Wikipedia

Ritratto di Jean-Baptiste Colbert di Philippe de Champagne

Incoraggiato dal ministro plenipotenziario Jean-Baptiste Colbert, il re decise di lanciare un enorme sito di ricostruzione navale per recuperare il ritardo.

Su istigazione di Colbert, arsenali sorti quasi dal nulla a Brest, in Bretagna e Rochefort, vicino alla foce della Charente.

Tuttavia, c’era un problema: per costruire navi, avevo bisogno di quercia. Tante, tante ghiande. Infatti, nel diciassettesimoNS Nel secolo scorso la quercia era per la Marina ciò che le terre rare sono oggi per l’alta tecnologia: un materiale strategico.

Tuttavia, la quercia cresce lentamente.

pubblico : 1669

lo scopo : Costruisci più di 100 navi

sfida di gestione : Garanzia di approvvigionamento domestico di querce centenarie

la lezione : Devi vedere vicino nello spazio e lontano nel tempo

foresta galleggiante

Alla fine del diciassettesimoNS Secolo, per costruire una nave di 60 metri con 74 cannoni, è stato necessario tagliare circa 2.500 vecchie querce.

Foto di WIKIPEDIA COMMONS

il Sole realeNave da guerra francese, 1669

I tre piani più grandi richiedono fino a 4.000.

READ  13 eleganti borse da viaggio per trasportare gli elementi essenziali del fine settimana

Oltre il 90% della nave è costituito da questa benzina particolarmente resistente, che dovrà resistere ad attacchi marini e proiettili di artiglieria del peso di 18, 24 o 36 libbre.

Per complicare le cose, avrai bisogno di alberi di forme diverse a seconda del loro utilizzo.

La quercia alta e dritta sarà utilizzata per travi, tavole e ponti.

Le membrature curve dello scafo saranno ricavate dalla quercia ritorta, ovvero dove il tronco incontra il ramo più robusto.

Questi legni “contorti” o “curvi” si distinguono per la loro resistenza e flessibilità perché le loro fibre di legno si conformano alla curvatura che formano.

Gli alberi e i cortili erano tagliati in pino, con pali lunghi e diritti che fornivano pezzi della lunghezza e flessibilità necessarie.

La costruzione della nave, dalla posa della chiglia alla partenza, richiede 15-18 mesi.

rompere la sua quercia

Gli arsenali hanno bisogno di legna, ma non esiste una politica forestale. A causa di disordini politici e religiosi, il disboscamento e l’eccessivo sfruttamento hanno gradualmente ridotto l’area delle foreste, che è diminuita da 22 milioni a 9 milioni di ettari tra il XV secoloNS E la fine del diciassettesimoNS un contratto.

Foto di WIKIMEDIA COMMONS

Arsenale di Tolone, 1670 circa

La maggior parte dei querceti è costituita da gabbie, dove gli alberi faticano a crescere in altezza.

Colbert osserva che le foreste reali sono “così impoverite di legname che è difficile per noi trovarne una adatta per riattrezzare le navi. […] E tanto meno per costruire nuove navi da SM [Sa Majesté] Con l’intento di costruire per ridare forza”.

Per la costruzione navale, la quercia viene importata dall’Italia e dall’Albania. Il legno di pino per sartiame proviene dal Nord Europa.

READ  Laura Sjo, Avvocata dei Segreti Vaticani

In breve, l’offerta dipende dall’esterno. Bad, mentre sotto Luigi XIV, la Francia era quasi sempre in conflitto con i suoi vicini.

Colbert notò ancora nel 1669 che “il re è determinato a non utilizzare per la marina alcuna merce presa in un paese straniero”.

Insomma, come oggi, devi comprare in loco.

acquisti locali

Già nel 1661 Colbert, “Supervisore delle finanze del dipartimento del legname”, aveva iniziato un’ampia indagine sullo stato delle foreste reali.

Ma nel 1669 avviò davvero una pianificazione strategica a lungo termine per liberarsi dalla dipendenza dall’estero, garantire l’approvvigionamento nazionale dei cantieri navali e ricostituire le casse reali.

Il decreto sull’acqua e le foreste del 13 agosto 1669 enuncia il principio della gestione razionale delle foreste nell’arco di 100 anni, per garantirne la sostenibilità.

Si entra nel dettaglio: per proteggere i cespugli, è vietato l’uso di pecore e capre nei boschi reali, nobili e ecclesiastici.

Colbert ha introdotto la marcatura delle querce assegnate alla Royal Navy. Per garantire l’approvvigionamento permanente degli arsenali, il diritto di contrassegno fu esteso a 15 leghe di corsi d’acqua – ferrovie in quel momento.

Sono state emanate norme: per ogni ettaro di foresta dobbiamo mantenere 32 balevos – giovani alberi eretti che promettono una bella crescita in altezza. Si spera che diventino “alberi ad alto fusto”, cioè una dimensione così grande che alcuni impiegheranno fino a 120 anni per raggiungere.

Un quarto della superficie forestale deve essere dedicato alla produzione di queste foreste.

Colbert lanciò campagne di rimboschimento in alcune zone dove ci sarebbero voluti 60 anni per ricreare la foresta, con l’obiettivo di una produzione che raggiungesse la maturità solo un secolo dopo.

READ  L'Italia festeggia i 700 anni dalla morte di Dante

Questo significa ambito di pianificazione!

La stessa logistica si applica agli alberi: invece che in Norvegia, i cantieri navali si riforniscono dalle foreste di conifere dei Pirenei e dell’Alvernia.

E questa è la lezione di Colbert: quando vuoi produrre localmente, ma su larga scala, devi organizzare le tue filiere a lungo termine. In breve, devi vedere vicino nello spazio e lontano nel tempo.

Il risultato

Luigi XIV raggiunse il suo obiettivo.

Nel 1673, l’arsenale di Rochefort, che impiegava 20.000 persone, varò da solo 26 navi e sei galee.

Nel 1677, la Royal Navy aveva 116 navi, 28 fregate, 17 vigili del fuoco, 24 flauti e 14 grandi barche o 199 unità.

Colbert morì nel 1683, ma lo sforzo continuò.

Dal 1689 al 1693, la Francia ha lanciato altre 17 navi all’anno – l’equivalente di 40.000 a 50.000 ghiande tagliate ogni anno!

La natura repressiva del programma di Colbert è ancora dibattuta.

Ma l’attuale codice forestale francese rimane l’erede diretto della legge del 1669.

Le foreste francesi contengono ancora diverse centinaia di querce secondo le misurazioni di Jean-Baptiste Colbert.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *