Lézignan-Corbières: Il cibo è al centro di un progetto educativo all’Anglade College

Lézignan-Corbières: Il cibo è al centro di un progetto educativo all’Anglade College

Una classe di quarta elementare del Joseph Englid College è andata a incontrare diversi professionisti nell’ambito di un progetto educativo sui legumi dopo un’azione iniziata lo scorso anno con una classe di terza elementare, diversi insegnanti e il responsabile della mensa scolastica.

La scorsa primavera, l’Anglade College ha ricevuto un gruppo di ricercatori dell’Institut de recherche pour le développement (IRD), in relazione a uno studio scientifico e un progetto educativo sulla dieta e sui benefici per la salute dei legumi, ma anche sulle loro proprietà ecologiche. stile produttivo. I legumi sono un tipico esempio della cosiddetta dieta sostenibile, una delle soluzioni da preferire per il futuro (ricca di proteine ​​e agricoltura senza fertilizzanti). È sull’argomento, dopo il capitolo 3H L’anno scorso, classe 4H Quest’anno ho lavorato con Pascal Roeg-Souillard e Alexandre Lasnel, rispettivamente Professore di Scienze della Vita e della Terra e Professore di Tecnologia.

Note su un’azienda di imbottigliamento.
Gail Jin

Leggi anche:
Lézignan-Corbières: Cibo scolastico, un tema importante per Anglade College Chef

Dal campo alla tavola

“I legumi sono fantastici” è un progetto educativo suggerito per la sesta elementareH nel 3H Di cui 27 studenti della classe 4H b condividi:Questo progetto sta preparando un altro lavoro sul cibo “Taste the world around me”, che si svolgerà il prossimo anno in coordinamento con un’altra istituzione nel bacino di Lézignan.“, spiega Pascal Rouge-Souillard. Per mettere in relazione l’argomento con le realtà del campo, l’agricoltura locale e le sfide dei cortocircuiti, gli studenti della facoltà hanno lasciato le mura dell’istituto per incontrare i professionisti:”Abbiamo dedicato loro una giornata mostrando il viaggio del cibo dal produttore al consumatoreDettaglio si riferiscono agli insegnanti. Per prima cosa incontrano un contadino di Laure-Minervois che mostra loro campi di varie colture, tra cui la lupinella, una pianta quasi scomparsa e ora coltivata di nuovo. Hanno scoperto la coltivazione di erba medica, fagioli e piselli. Gli studenti si sono resi conto che con la mancanza d’acqua l’agricoltura diventava complicata“.

Visita BioCop e i circoli di distribuzione.

Visita BioCop e i circoli di distribuzione.
Gail Jin

Dopo aver visitato la fattoria, il gruppo ha proseguito il tour con la Fair Trade Seed Company, prima di recarsi al mulino di vendita, dove hanno osservato la pietra di granito in azione per produrre farina da vendere nei mercatini all’angolo. Nel loro viaggio dal produttore al consumatore, gli studenti hanno concluso la loro giornata presso il punto vendita Biocoop in città: “Discuti delle filiere locali che sono interessanti e spesso meno costose di fronte all’attuale inflazione. Gli studenti si sono anche resi conto che Biocoop forniva prodotti non alimentari. Il direttore del negozio ha mostrato loro un gioco facendogli assaggiare alla cieca il succo di frutta prodotto che preferivano al succo di frutta industriale“.

Domande e risposte con i professionisti del cibo.

Domande e risposte con i professionisti del cibo.
Gail Jin

Leggi anche:
Lézignan-Corbières: gli insegnanti dell’Anglade College si mobilitano contro la riforma delle pensioni

Dopo questa immersione nel cuore delle attività agricole, artigianali e legate al cibo, il gruppo avrebbe continuato il progetto elaborando ricette basate sui prodotti raccolti durante le escursioni tra farine, ceci e altri alimenti. Le tre migliori ricette saranno poi servite in mensa con lo chef Pierre-Yves Rommeler, lui stesso molto impegnato nella sensibilizzazione alla sana alimentazione e alla conoscenza del gusto. Quest’ultimo ottiene anche il più possibile da produttori locali e biologici e partecipa ai progetti alimentari della Fondazione.

READ  Chikungunya: E il vaccino sviluppato dal laboratorio Valneva?

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *