Legami genetici tra disturbi alimentari e disturbi mentali

Di base

  • Studiando il genoma di 20.000 volontari, i ricercatori hanno scoperto che una predisposizione genetica al TCA è legata a una predisposizione genetica a determinati disturbi mentali.
  • Lo studio mostra anche l’importanza della componente metabolica e fisica nell’emergenza del TCA, in quanto colpisce gli individui verso l’anoressia, la bulimia o episodi di iperfagia in base al loro peso e in particolare all’IMC.

Raggruppare insieme Anoressia nervosa, bulimia e alimentazione incontrollataIl nome “Disturbi alimentari” (TCA) si riferisce a quasi 600.000 adolescenti e giovani adulti di età compresa tra i 12 ei 35 anni in Francia, quasi il 90% dei quali sono ragazze o giovani donne.

Negli ultimi anni, diversi studi lo hanno dimostratoC’erano predisposizioni genetiche a queste malattie. Un nuovo lavoro, basato sullo studio dei genomi di decine di migliaia di individui, è stato svolto da un team dell’Università di Ginevra (UNIGE), Ospedali universitari di Ginevra (HUG), Kings College London, University College London e Università di Ginevra. North Carolina (UNC) e Icahn Medical School at Mount Sinai mostrano che queste predisposizioni genetiche condividono un profilo comune con altri disturbi psicologici. I risultati sono stati appena pubblicati inGiornale internazionale dei disturbi alimentari.

“Studi precedenti, che hanno mostrato un legame genetico tra un maggior rischio di anoressia nervosa e un minor rischio di obesità, stanno cominciando a scoprire alcuni aspetti dello sviluppo di disturbi alimentari che sono stati in gran parte trascurati finora”.Spiega Nadia Micali, docente presso il Dipartimento di Psichiatria della Scuola di Medicina dell’UNIGE e Responsabile del Dipartimento di Psichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza presso HUG, che ha guidato il lavoro. Tuttavia, non ha fatto lo stesso per gli altri due principali disturbi alimentari: bulimia e alimentazione incontrollata. Pertanto, lo scopo del nostro studio era comprendere il ruolo dei geni che governano il peso corporeo per questi diversi disturbi e le somiglianze e le differenze tra di loro.

Comprendi la relazione tra disturbo alimentare e disturbo mentale

Per comprendere le somiglianze e le differenze tra i genotipi di anoressia nervosa, bulimia e alimentazione incontrollata, i ricercatori hanno analizzato i genomi di oltre 20.000 persone. Hanno anche avuto accesso ai loro dati sanitari come peso ed età e alle loro risposte a questionari sulla salute che affrontano specificamente potenziali disturbi mentali e una storia dei loro disturbi alimentari.

READ  La bandiera è davanti ai tribunali

Tutti questi dati sono stati utilizzati per calcolare oltre 250 punteggi poligenici per ogni individuo. “Ogni risultato poligenico riunisce i geni coinvolti in un tratto specifico, come la depressione, ad esempio, Christopher Hobel, ricercatore al Kings College di Londra e primo autore di questo lavoro, spiega. Abbiamo quindi calcolato punteggi multigenici per i disturbi mentali, come la schizofrenia o il disturbo ossessivo-compulsivo, e per i tratti metabolici e somatici, tra cui sensibilità all’insulina, obesità e BMI elevato “. Più alto è il punteggio, maggiore è il rischio genetico di sviluppare una specifica malattia.

La componente metabolica si dirige verso vari disturbi alimentari

Il team ha quindi esaminato i risultati poligenici dei volontari e i disturbi alimentari. I risultati hanno mostrato che ci sono chiare somiglianze tra anoressia nervosa, bulimia e bulimia, ma ci sono anche differenze. Tra le somiglianze c’è l’associazione con disturbi mentali, tra cui schizofrenia e depressione “Conferma la forte componente psicologica di queste malattie”Dice Nadia Micali. “Tuttavia, la grande differenza riguarda la base genetica per la regolazione del peso corporeo, nella completa contraddizione tra anoressia da un lato e bulimia e episodi di alimentazione incontrollata dall’altro, in quanto quest’ultima è associata a forti rischi genetici. )Il ricercatore continua.

Ciò significa che una predisposizione genetica al peso elevato rispetto a quello basso può essere un fattore limitante che guida gli individui che hanno rischi psicologici genetici simili per diversi disturbi alimentari. “Pertanto, la componente metabolica e fisica indirizzerà l’individuo o verso l’anoressia nervosa, o verso la bulimia o gli episodi di iperfagia.Aggiunge Nadia Micali.

L’esame del ruolo dei genotipi nella regolazione del peso corporeo fornisce informazioni sulla base genetica dei disturbi alimentari e su come differiscono nei loro marcatori genetici, nonostante le loro somiglianze. Questo lavoro ci permette di comprendere gradualmente meglio lo sviluppo dei disturbi alimentari.Conclude Nadia Micali.

READ  [Politique] Saint Joseph: forte sostegno al Ginot Libon Group




You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *