Le proteine ​​ridurrebbero i danni cardiaci causati dalla chemioterapia

primario

  • La chemioterapia è un trattamento del cancro che utilizza farmaci per uccidere le cellule tumorali. Quest’ultimo può causare molti effetti collaterali, come problemi cardiaci.
  • La somministrazione di NOR-1 ridurrebbe l’incidenza delle lesioni cardiache indotte dalla doxorubicina, limitando la morte cellulare e mantenendo le cellule sane.

Perdita di capelli, formicolio, diarrea, unghie deboli … Questi vari sintomi possono comparire dopo la chemioterapia. Tra i possibili effetti collaterali del trattamento del cancro ci sono i problemi cardiaci. queste “Può verificarsi in particolare durante l’assunzione di antracicline come la doxorubicina o l’epirubicina. Questo effetto è correlato alla dose totale dei farmaci, motivo per cui il numero massimo di cicli è spesso limitato”, specifico Istituto Nazionale dei Tumori.

Recentemente, i ricercatori della Norwegian University of Science and Technology (Norwegian University of Science and Technology) hanno trovato un modo per ridurre l’incidenza dei disturbi cardiaci causati dalla chemioterapia. Ecco perché si sono resi conto Uno studio pubblicato sulla rivista Biomedicina.

NOR-1 aiuta a mantenere in vita più cellule

“È stato dimostrato che l’attività fisica protegge il cuore dalla cardiotossicità indotta dalla doxorubicina (una forma di particolare tossicità per il muscolo cardiaco), ma l’esatto meccanismo rimane sconosciuto”, Gli scienziati hanno detto. Sapevano che una proteina, chiamata “recettore 1 derivato dai neuroni orfani (NOR-1)”, che viene attivata dall’esercizio, si era dimostrata efficace contro l’ipossia, cioè la mancanza di ossigeno. Questa proteina ha anche contribuito alla sopravvivenza di molte cellule.

“Abbiamo quindi ipotizzato che la proteina NOR-1 potrebbe proteggere i cardiomiociti (cardiomiociti) dallo stress cellulare indotto dalla doxorubicina”, studiosi individuati. Per determinare l’effetto protettivo di questa proteina sul cuore, hanno condotto esperimenti per testare l’effetto della proteina sulle cellule umane in laboratorio.

READ  Gli Stati Uniti rinunciano alle missioni su Marte con l'Europa

Hanno scoperto che somministrare NOR-1 riduceva la morte cellulare e le manteneva in salute. “I nostri risultati indicano che NOR-1 può funzionare come una potenziale proteina cardiaca in risposta allo stress cellulare indotto dalla doxorubicina”, Gli autori dello studio hanno concluso.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *