Le orche assassine hanno bisogno solo di un respiro tra un’immersione e l’altra

Le orche assassine hanno bisogno solo di un respiro tra un’immersione e l’altra

Le orche sono uno dei predatori più abili del pianeta, possono sconfiggere da soli i grandi squali bianchi, attaccare le barche e hanno forti legami familiari materni. Ora, un nuovo studio ha combinato dati di etichettatura, fisiologia, filmati di droni e analisi statistiche per confermare l’ipotesi di lunga data. Le orche prendono solo un respiro tra un’immersione e l’altra. I risultati sono descritti in A Uno studio pubblicato il 15 maggio sulla rivista Un vantaggio Può avere alcune importanti implicazioni per la conservazione.

Lo studio ha osservato 11 orche residenti nel nord e nel sud al largo delle coste della Columbia Britannica, in Canada. Le orche residenti sono una specie ecologica Sono specializzati nel mangiare salmone, salmone Chinook particolarmente grande, grasso e nutriente. Rispetto a, Orche assassine o giganti transitori Mangerà prede più grandi, inclusi altri mammiferi marini, tra cui leoni marini, delfini e altre balene.

“Questo studio è stato in realtà avviato per cercare di comprendere meglio i fabbisogni energetici delle orche residenti nella Columbia Britannica”, ha affermato il coautore dello studio e candidato al master presso l’Università della British Columbia (UBC). Tess McRae Racconta PopSci. “Le nostre orche residenti nel nord sono minacciate e le nostre orche residenti nel sud sono in pericolo. Quindi, è davvero importante per noi sapere quanta energia utilizzano queste balene e, d’altro canto, di quanto cibo hanno bisogno queste balene per sopravvivere.”

[Related: How crafty orca whales hunt near submarine canyons.]

Come gli esseri umani, le orche hanno bisogno di respirare di più quando sono impegnate in attività ad alta energia come cercare cibo o viaggiare per lunghe distanze in modo da poter ottenere più ossigeno nei loro corpi. Per monitorare le balene in natura, il team ha utilizzato etichette di aspirazione attaccate a 11 orche per raccogliere dati, comprese le profondità di immersione e dati acustici e biologici.

READ  Febbre dengue a Reunion: 471 casi confermati

“È fondamentalmente come mettere un Fitbit sugli animali”, ha detto il coautore dello studio e ricercatore post-dottorato presso l’Università della British Columbia. La dottoressa Beth Volpoff Racconta PopSci. “Ma poiché si muovono in natura, non possiamo misurarlo direttamente. Gli studi hanno utilizzato droni o registratori di dati, ma li abbiamo combinati e sincronizzati esattamente con le balene. Se una balena viene taggata, noi guarda quella balena dall’alto al secondo più vicino.”

Dopo un certo periodo di tempo, le ventose vengono rilasciate, galleggiano in superficie e vengono raccolte dai ricercatori. Questi dati vengono utilizzati insieme alle riprese dei droni catturate dal pilota di droni Keith Holmes e dall’Hakai Institute. McRae è stato in grado di studiare le riprese del drone, valutare i comportamenti che stavano facendo le balene e contare il numero di respiri che facevano durante i diversi comportamenti.

“Le riprese dei droni sono molto interessanti da guardare, ma la parte difficile per gli scienziati è passare da pochi video a numeri significativi e analizzare i dati”, afferma Volpov. “È qui che la nostra collaborazione con il Dipartimento di censimento ci ha aiutato molto a tradurre il video in numeri significativi per vedere cosa sta succedendo.”

Utilizzare la squadra in modo approfondito analisi statistica Da un coautore dello studio e da un dottorando Ivan Sedro Dal Dipartimento di Statistica dell’Università della British Columbia per un’analisi più precisa dei tassi di respirazione delle orche. Il team ha scoperto che le orche trascorrono la maggior parte del loro tempo in immersioni poco profonde. La maggior parte dura meno di un minuto. L’immersione più lunga è durata circa 8,5 minuti per un maschio adulto. Le balene coinvolte nello studio facevano tra 1,2 e 1,3 respiri al minuto quando riposavano e tra 1,5 e 1,8 mentre viaggiavano o cacciavano. In confronto, una persona fa circa 15 respiri al minuto a riposo e da 40 a 60 respiri al minuto durante l’attività fisica.

READ  Trasforma la tua camera da letto in una comoda zona notte

[Related: Toothed whales turned their vocal fry into a hunting superpower.]

“Le orche assassine sono come i corridori che non hanno la resistenza alla maratona che hanno le balene blu e le megattere per fare immersioni lunghe e profonde”, afferma il coautore dello studio dell’Università della British Columbia. Il dottor Andrew Tritz Ha detto in a dichiarazione.

Questa combinazione di dati sopra e sott’acqua e analisi statistiche ha fornito al team una migliore comprensione delle attività delle orche assassine.

Le orche residenti al largo delle coste occidentali degli Stati Uniti e del Canada sono minacciate o in pericolo Sono minacciati di estinzione per una miriade di ragioni. La ridotta disponibilità di salmoni, le collisioni tra navi, l’inquinamento chimico e l’inquinamento acustico hanno influito negativamente su queste balene. Asso Dicembre 2023Si stima che siano rimaste circa 74 orche residenti nel sud. Le orche residenti nel nord sono ancora minacciate, ma stanno meglio con ca 300 balene individuali.

“Una volta che conosciamo la loro frequenza respiratoria, possiamo calcolare l’energia e quindi i bisogni nutrizionali di queste balene”, afferma McRae. “Quindi, questa è la prima parte per sapere di quanto cibo hanno bisogno queste balene per sopravvivere, il che è importante per la loro conservazione”.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *