Le app di monitoraggio medico per i malati di cancro saranno presto rimborsate dalla previdenza sociale

Le app di monitoraggio medico per i malati di cancro saranno presto rimborsate dalla previdenza sociale

Diversi studi dimostrano che il monitoraggio a distanza dei malati di cancro migliora la loro qualità di vita e riduce i ricoveri d’urgenza. Le app di tracciamento, come quelle create dalla startup Costa Rica Cureety, saranno ora rimborsate dalla previdenza sociale. L’Autorità Suprema della Sanità ha dato il via libera.

“Ogni settimana descrivo i miei sintomi sull’app e, a seconda della situazione, gli infermieri mi chiamano immediatamente oppure no.” Emanuele descrive. Questa donna di 45 anni è in cura a Brest per un cancro al seno metastatico.
Da agosto utilizza l’app di Curety, una startup con sede a Dinan in Costa d’Armor, casa editrice di dispositivi medici per il monitoraggio remoto specializzata in oncologia. “Ogni volta che vado a fare la chemioterapia, i medici sanno esattamente dove mi trovo e guadagniamo velocità ed efficienza.” Emanuele spiega.

La piattaforma funziona con un sistema di questionari e il suo algoritmo “Permette un’analisi molto dettagliata delle condizioni di salute del paziente, afferma Nicolas Begin, COO di Curety. Le precauzioni variano a seconda del trattamento. “Ad esempio, la comparsa di febbre in un paziente all’inizio della chemioterapia può indicare una diminuzione delle difese immunitarie”. Lui spiega.
L’obiettivo di questa applicazione di monitoraggio dei pazienti è rilevare il più presto possibile un possibile peggioramento delle loro condizioni di salute, consentendo all’équipe medica collegata al programma di decidere il trattamento migliore.

Quest’estate l’Autorità Suprema della Sanità ha espresso parere positivo sulla richiesta, aprendo la strada al finanziamento pubblico. A ottobre, l’avvio di Resilience, situato presso l’Istituto Gustave-Roussy, il centro di cura del cancro a Villejuif, si trova su uno schermo positivo dell’autorità del paziente, poiché serve a proteggere le persone dalla malattia dell’assicurazione sanitaria.

READ  Stagione della sfida di squash

Come con Curety, il questionario e il sistema di allarme consentono di identificare i problemi dei pazienti. “Potremo sospettare possibili ricadute di cancro, conferma Paul Luis Bellitanti, Direttore della Strategia di Resilience. Penso ad esempio ad un paziente che riferiva dolore alla colonna vertebrale durante la chiamata. Il suo team sanitario lo ha contattato immediatamente ed è stato in grado di rilevare precocemente il tumore maligno.

Diversi studi hanno dimostrato un beneficio complessivo del telemonitoraggio in oncologia, indicando un miglioramento della qualità della vita e una riduzione del numero di accessi al pronto soccorso. Lo studio CAPRI, avviato da Gustave Roussy, ha evidenziato una significativa riduzione degli effetti collaterali gravi legati al trattamento per i pazienti sottoposti a tale regime (27,6% rispetto al 36,9%) e una riduzione dei ricoveri ospedalieri (15,1% rispetto al 22%).

In questo ambito spicca la Francia: è l’unico Paese che ha deciso di pagare sia i produttori che le équipe mediche utilizzando le sue applicazioni. Per il dottor Florian Scotti, responsabile del percorso dei pazienti dell’ospedale Gustave Roussy, questa è una cosa meravigliosa “Trasformazione”. Secondo lui, “Questa tecnologia non è solo uno strumento digitale, è gestita da esseri umani e dipendenti. AL’arrivo del pagamento consentirà la democratizzazione dell’uso del monitoraggio remoto, avviso. Perché alcuni centri oggi non possono permetterselo”.

Attualmente, Cureety è utilizzato in circa sessanta istituti da più di 5.000 pazienti ematologici. Da parte sua, Resilience afferma che dal 2021 sono stati monitorati a distanza 4.000 pazienti in 50 ospedali in Francia e in Europa.

Secondo l’Alta Autorità della Sanità, ogni anno in Francia potrebbero essere colpite più di un milione di persone.

READ  Pronto per la scienza della comunicazione: suolo 4062-4063

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *