L’astrofisico Stephen Hawking sfida la scienza

Foto: AFP / London Science Museum

L’astrofisico britannico Stephen Hawking nel suo ufficio presso l’Università di Cambridge.

France Media Agency


L’astrofisico britannico e autore di best seller Stephen Hawking, a cui i medici gli hanno concesso solo pochi anni di vita quando aveva 21 anni, domenica ha compiuto 70 anni, un’età dedita alla decodifica dell’universo nonostante la sua grave disabilità fisica.

Stephen Hawking, che ha venduto la sua macchina Bestseller: una breve storia del tempo In diversi milioni di copie, non lasciarti ingannare. “Sono sicuro che la mia disabilità ha qualcosa a che fare con la mia personalità”, dice sul suo sito web.

“Le persone sono affascinate dal contrasto tra le mie capacità fisiche molto limitate e la natura estremamente vasta dell’universo che studio”, aggiunge lo scienziato, bloccato su una sedia e costretto a parlare al computer mentre emette un suono metallico.

All’inizio degli anni ’60, mentre studiava a Oxford, il giovane Hawking notò che “sembrava diventare sempre più goffo e cadde una o due volte senza una ragione apparente”, dice.

Dopo una serie di test, ha appreso di avere una malattia terminale, che in seguito è stata diagnosticata come malattia di Charcot. “Potrebbe avermi ucciso in pochi anni. È stato un tale shock.” All’epoca aveva solo 21 anni e studiava cosmologia e relatività a Cambridge.

“Ho iniziato ad ascoltare Wagner, ma gli articoli che dicevano che stavo bevendo sono esagerati (…). Prima della mia malattia, la vita mi annoiava. (…) Improvvisamente ho capito che c’erano molte cose che valevano lo sforzo” lui continua.

La maggior parte delle persone a cui è stata diagnosticata la malattia di Charcot, una malattia degenerativa e paralitica, “vive meno di cinque anni (…)”. Brian Dickey della British Society of Neurodegenerative Diseases afferma che Stephen Hawking ha convissuto con la malattia per quasi 50 anni lo rendono una persona eccezionale.

READ  NASA halts efforts to deploy Heat Flux Probe to Mars InSight

Martin Rees, l’ex presidente della Royal Society, che parteciperà domenica a Cambridge a Cambridge, insiste sul fatto che “tuttavia, la sua fama non dovrebbe superare i suoi contributi fisici (…) perché ha fatto più di chiunque altro da Einstein per migliorare la conoscenza. di gravità. “Conferenza tributo a Stephen Hawking.

“Il grande momento Eureka per Stephen è quando ha scoperto una relazione fondamentale e inaspettata tra gravità e teoria quantistica (la fisica di cose molto piccole)”, aggiunge.

L’astrofisico, nato l’8 gennaio 1942, 300 anni dopo la morte di uno dei padri dell’astronomia moderna Galileo Galileo, ha lavorato all’espansione dell’universo, ai buchi neri e alla teoria della relatività.

Nel suo recente libro “C’è un architetto nell’universo”, ha decostruito la teoria di Isaac affermando che l’universo non ha bisogno della creazione di Dio.

Desideroso di pubblicare le sue complesse teorie, ha incontrato un successo mondiale nel suo libro A Brief History of Time: From the Big Bang to Black Holes, pubblicato nel 1988 negli Stati Uniti.

La sua scarsa reputazione gli è valsa le apparizioni nel cartone animato I Simpson“La tua teoria dell’universo ha la forma di una torta meravigliosa, Homer. Forse te la ruberò!”, Dice Stephen Hawking.

Inondato di domande sul suo 70 ° compleanno, l’astrofisico ha stimato che “la più grande scoperta scientifica di tutti i tempi” sarebbe stata la scoperta della vita al di fuori della Terra. Se decidono di venirci a trovare, il risultato sarà lo stesso degli europei che arrivano in America. Ma ha sottolineato venerdì in una registrazione trasmessa dalla BBC.

Ma è stata interrogata dalla rivista nuovo mondo L’eminente scienziato ha risposto alla maggior parte dei suoi pensieri: “Le donne. Sono un mistero completo”.

READ  Biodiversità e ambiente al centro della Fête de la science

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *