L’ARS fa scattare il campanello d’allarme dopo almeno 22 casi di dengue nel dipartimento

Non è ancora una pandemia, dice il professor Michael Carles, ma almeno è un “cluster”. Questo mercoledì, davanti alla stampa e su invito dell’Agenzia sanitaria regionale (ARS) pakkaIl capo del dipartimento di malattie infettive e tropicali dell’ospedale universitario di Nizza è venuto a parlare dell’importanza di proteggersi dalle zanzare tigre in diversi comuni della regione. Alpi Marittime. Dal 23 agosto 22 casi di indigeni febbre dengue Con il loro morso, sono stati diagnosticati a Saint-Jeannet (15), Gattières (6) e La Gaude (1), ha rivelato l’ARS. “E restano i dubbi in attesa dei risultati dei laboratori”, definisce Roman Alexander, delegato della sua amministrazione.

L’infezione è fatale solo nello 0,1% dei casi e l’infezione spesso passa inosservata. Il professor Michael Carles ricorda che altrimenti provoca “sintomi simil-influenzali comuni a molte altre malattie”, febbre, dolori muscolari o articolari, affaticamento o addirittura mal di testa, e con il rischio di complicazioni più o meno gravi. “Un paziente è stato ricoverato in ospedale a causa di una forma nervosa. Era in stato di confusione e ha avuto un attacco epilettico.

Consultare “immediatamente” se compaiono i sintomi

Questa è la prima volta nel dipartimento che un focolaio così grande di questa malattia, che è endemica nei paesi tropicali e subtropicali, si è verificato in persone che non hanno viaggiato. Ma la pubblicazione è limitata. Abbiamo famiglie di 3-4 persone tra questi casi. Ciò significa che non abbiamo paura di una forte estensione della catena di trasmissione”, afferma Jerome Ribaut, Head of Health Alerts di ARS. Soprattutto perché le operazioni di controllo delle zanzare sono state organizzate attorno agli habitat di ciascun paziente diagnosticato.

READ  How do you see Mercury, Jupiter and Saturn in a rare coincidence this weekend

Per prevenire nuove infezioni, l’organismo esige più che mai di limitare la riproduzione dell’insetto, eliminando i punti d’acqua stagnanti, ma anche di proteggersi dalle punture e “consultare immediatamente un medico in presenza di sintomi suggestivi.

La febbre dengue si diffonderà presto in Costa Azzurra?

Le regole da seguire letteralmente nei prossimi anni “con Il riscaldamento globale e condizioni tropicali che favorirebbero la riproduzione delle zanzare”, sostiene il professor Michel Carles. Perché la febbre dengue può diventare endemica in Riviera francese. “Potrebbe essere tra 10 anni, tra 20 anni, forse dopo, ma forse anche più velocemente”, afferma lo specialista.

Secondo uno studio del 2016 pubblicato sulla rivista Ebiomedecine, entro il 2060 Nizza mostrerà il più alto “potenziale epidemico di dengue” tra le principali città europee. Di fronte ad Atene, Malaga o addirittura Parigi.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.