Lamborghini riedita la mitica Countach | Giornalismo

A giudicare dal ritorno di molti modelli che hanno plasmato le glorie passate di molti produttori, la nostalgia si esaurisce ancora e forse anche di più durante i tempi cruciali in cui viviamo. Lamborghini lo sa bene e ha scelto di far rivivere il modello che ha vissuto i sogni di tanti adolescenti negli anni ’70 e ’80, la Countach.


Carlo Renato

Carlo Renato
Giornalismo

Certo, non stiamo parlando di rinascita nel senso letterale della parola. Poiché la Countach LPI 800-4 recentemente presentata a Pebble Beach sarebbe essenzialmente solo un arco nella storia recente dello stabilimento di Sant’Agata Bolognese con 112 unità prodotte, è stata venduta tutta altrove.

Foto per gentile concessione di Lamborghini

Lamborghini Countach LPI 800-4 insieme al suo predecessore

Le linee di design irrispettose disegnate da Marcello Gandini all’epoca si ritrovano in parte in questa riedizione, che segna anche il 50° anniversario del modello presentato per la prima volta a Ginevra nel 1971, uscito di produzione nel 1990. Ora ci occupiamo del modello I fari sono abbastanza bassi e la forma complessiva del prisma triangolare rimane a prua. Tuttavia, forse è il retro che riesce a catturare meglio il significato dell’opera originale, con le luci intrecciate a forma di paletta.

Sotto questo corpo in fibra di carbonio, troviamo il telaio dell’Aventador. La meccanica è chiaramente fornita dal V12, generazioni future, con una cilindrata di 6,5 litri. La sua composizione, che compare anche sotto la copertina centrale di Sián, è un ibrido. Un motore elettrico da 48 volt che produce 34 CV aumenta la potenza totale a 770 CV. Deriva la sua potenza dal supercondensatore. Il cambio sequenziale a sette marce della Aventador è ancora nell’elenco, così come il sistema di trazione integrale, che fornisce 0-100 km/h in 2,8 secondi e una velocità massima di 355 km/h.

READ  Ryo Sakazaki e Robert Garcia hanno annunciato che King of Fighters 15 metterà fine all'Art of Martial Team

Avremmo sicuramente voluto un approccio più creativo nell’introdurre questa “nuova” Countach per aderire meglio al personaggio iconico del primo scherzo, ma una cosa è certa, diventerà un modello che i collezionisti cercheranno. Non dimentichiamo che il discendente dell’Aventador sta per nascere.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *