La trattativa con il Monte dei Paschi entra nella fase finale

I negoziati per la vendita della banca statale Monte dei Paschi di Siena (MPS) UniCredit sono pronti a entrare nella casa ora dopo un voto nella città natale della banca toscana, Siena.

UniCredit ha concordato il 29 luglio di discutere il riacquisto di parti del MPS dal Tesoro italiano, che ha salvato il creditore nel 2017.

Sebbene la due diligence si sia conclusa a settembre, i colloqui si sono fermati in vista delle elezioni amministrative in diverse città italiane e del voto a Siena per riempire un seggio parlamentare vacante.

La scelta di MPS ha un impatto sul piano industriale che il nuovo amministratore delegato di UniCredit, Andrea Orcel, dovrebbe presentare a novembre.

Ma il governo di coalizione del primo ministro Mario Draghi ha dovuto esercitare cautela prima del voto a causa dei previsti tagli di 7.000 posti di lavoro in MPS e di altre condizioni costose stabilite da UniCredit per prendere in considerazione l’acquisto del suo rivale in difficoltà.

La vittoria di martedì all’Assedio di Siena di Enrico Letta, leader del Partito Democratico di centrosinistra, ha eliminato un elemento di incertezza per l’alleanza perché Letta ha promesso di dimettersi in caso di sconfitta.

Ma il ritorno di MPS in mani private rimane una patata politica scottante.

“L’occupazione, la prevenzione delle interruzioni, la conservazione del marchio (MPS) e la presenza dello stato nell’economia sono i principali pilastri a cui vogliamo che il governo aderisca nel trovare una soluzione a MPS”, ha affermato Letta.

Un legislatore democratico ha detto a Reuters che il partito non può permettersi di essere visto come un acconsentito a tagliare 7.000 posti di lavoro.

READ  La Turchia denuncia le dichiarazioni "orribili" dell'Italia - La Nouvelle Tribune

UniCredit prende di mira solo gli affiliati MPS nella regione centro-settentrionale, ma le azioni specifiche che acquisterà, così come il numero di licenziamenti e la quantità di denaro che lo stato dovrà spendere non sono ancora definiti, si dice. discussioni.

L’Italia ha stanziato 1,5 miliardi di euro da pompare in MPS e due fonti hanno affermato che il Tesoro credeva ancora che potesse essere sufficiente. Tuttavia, un’altra persona ha affermato che UniCredit si aspetta che la richiesta di fondi superi i 2,5 miliardi di euro che MPS si è impegnata a raccogliere l’anno prossimo se non riuscirà a trovare un acquirente.

UniCredit ha rifiutato di commentare.

Inoltre, la MCC Bank di proprietà statale sta cercando di rinviare le richieste del Tesoro per 300 filiali e due unità MPS che UniCredit ha respinto, hanno affermato due fonti, aggiungendo che ne accetterà solo 110.

Fonti di Reuters hanno affermato che il Tesoro italiano rimane fiducioso di raggiungere un accordo entro la fine del mese.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *