La storia di un amante del cinema e di una passione infiammabile

Il telefono di Serge Bromberg squillò nel cuore della notte. Polizia giudiziaria, dipartimento Val-de-Marne. Dall’una di notte, nel cuore di questa torrida notte dal 10 all’11 agosto 2020, un incendio ha distrutto l’edificio al 30 di avenue de la Liberté, a Vincennes, alla periferia di Parigi, dove conserva parte delle sue bobine cinematografiche. .

I testimoni descriveranno che l’incendio è stato insolitamente rapido e violento. Un uomo, attraverso il fumo che avvolgeva i piani superiori, cominciò a gridare: “Sto per saltare!” Il corpo di Jean-Philippe B. D., 55 anni, ha afferrato la scala di un vigile del fuoco prima che cadesse a terra, inattiva. Al secondo piano, Rachel S. non è saltata. , 69 anni. Telefono alla mano, ha chiamato i soccorsi dalla veranda. Il fuoco ha finito per prenderla. “Scompare tra le fiamme, non lo vediamo più, lo sentiamo urlare per qualche secondo”Ricorda un poliziotto che ha assistito alla scena. Trenta vicini sono stati evacuati. Per cinque ore, il fuoco inghiottirà tutto, prima che i vigili del fuoco riescano a tenerlo sotto controllo.

A più di due anni di distanza dai fatti, Serge Bromberg, figura del patrimonio cinematografico francese, è stato rinviato al tribunale penale di Créteil, martedì 22 novembre e mercoledì 23 novembre, con l’accusa di “omicidio colposo” e “aver messo in pericolo la vita di altri”. La polizia, nel corso delle indagini, è giunta alla conclusione che l’incendio sia partito dal garage dove la sua società – la Lobster Films, con una trentina di dipendenti, creata nel 1985 con Eric Lange e specializzata nel restauro di vecchie pellicole – conservava le sue pergamene.

Le bobine di nitrato di cellulosa, le più fragili e anche le più pericolose, sono chiamate in gergo “film a fiamma”, perché presentano un alto rischio di combustione.

L’immobile di 180 mq, acquistato 25 anni fa per immagazzinare inventario, dispone di tre vani. Il primo include rulli da 35 mm. Nella seconda, illuminata da un soffitto di vetro, sono riposti i dvd, e infine, in un locale chiuso, sul retro, altre bobine, tra cui le più fragili, e anche le più pericolose, quelle in nitrato di cellulosa, chiamate nella terminologia delle pellicole di fiamma, perché comportano un elevato rischio di combustione.

READ  Lippi ripensa alla finale del 2006 contro la Francia

Fino agli anni ’50, il nitrato era la base utilizzata nella realizzazione di film in 35 mm. Si ritiene che il rischio di accensione sia reale se sono esposti a temperature superiori a 41 gradi Celsius. Man mano che invecchiano, tendono a rompersi e più si rompono, maggiore è il rischio. Nel 1952 la loro produzione fu definitivamente vietata, l’anno seguente fu vietata la distribuzione e la loro presentazione era vietata dal 1959. Molto prima dell’arrivo del digitale alla fine del XXe Century, che classificherebbe il formato 35 mm come semi-obsoleto, la pellicola in nitrato fu presto sostituita da una pellicola in acetato, poi da una pellicola in triacetato, detta anche “di sicurezza”, o successivamente in poliestere. Ma, se si è interessati ai “primi film”, come nel caso di Serge Bromberg, si è necessariamente obbligati a confrontarsi con i film al nitrato.

Hai ancora l’86,94% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.