La Stazione Spaziale Internazionale è stata danneggiata dai detriti spaziali

L ‘ISS Era Consiste Dai detriti spaziali. La collisione non ha messo in pericolo gli astronauti a bordo, ma ci ricorda ancora una volta i pericoli presentati dal taglio di razzi e satelliti.

Lo spazio è spesso visto come un’area vuota e fredda, ma la realtà è molto diversa. Almeno per quanto riguarda l’orbita del nostro pianeta.

Foto di David Mark – Pixabay

Dal primo missile mai lanciato, i lanci sono effettivamente raddoppiati. Satelliti, sensori, tanti dispositivi che hanno avuto l’effetto di trasformare l’orbita terrestre in un vero e proprio vuoto.

L’orbita terrestre, un’altra discarica

Perché quando questi dispositivi non vengono utilizzati, non vengono ripristinati. Lontano da questo. In realtà stanno ancora girando intorno al nostro mondo, sbattendosi l’uno contro l’altro.

Nel 2019, i ricercatori hanno identificato più di 34.000 detriti privati ​​di oltre 10 centimetri di lunghezza in orbita in orbita bassa, ma anche oltre 5.400 detriti spaziali di un metro o più di diametro. E se crediamo al modello sviluppato dall’Agenzia spaziale europea (ESA), allora dobbiamo aggiungere alla lista 130 milioni di oggetti più grandi di un millimetro e quasi un milione di oggetti più grandi di un centimetro. In un paio d’anni, è facile immaginare che questi numeri sarebbero dovuti aumentare e È un vero problema.

Questo è un problema etico, ovviamente, ma è anche funzionale. Ogni lancio deve tener conto dei rischi posti da questi detriti e lo stesso vale per gli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

Pericolo per le missioni spaziali

Astronauti che hanno meticolosamente riscontrato un grave problema il 12 maggio.

Controllato CanDarm 2 Durante un’operazione di routine, gli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale hanno già rilevato un impatto situato a livello dello scheletro della parte superiore del braccio. È relativamente giovane, ma dimostra ancora che lo strumento è entrato in collisione con i detriti nell’orbita terrestre, senza che nessuno se ne accorgesse.

READ  Comparison: M1 MacBook Pro vs Razer Book 13

Al momento, gli astronauti e le squadre tecniche sulla Terra non erano effettivamente in grado di determinare la data esatta della collisione. Quindi non è noto quando i detriti hanno colpito il braccio.

Secondo i primi risultati delle analisi, sembra comunque che questo effetto non abbia danneggiato il braccio. Quest’ultima è ancora funzionante ed è una nuova suora. Canadarm2, sviluppato dalla Canadian Space Agency, ha in realtà la forma di un braccio robotico utilizzato per aiutare a manovrare oggetti al di fuori della Stazione Spaziale Internazionale, come le navette per esempio.

La Stazione Spaziale Internazionale si è scontrata con detriti spaziali

Consente inoltre agli astronauti a bordo della stazione di eseguire operazioni di manutenzione. Pertanto, lo strumento occupa un posto importante, che è ciò che rende questo effetto così allarmante.

Tanto più che l’impatto su un’unità abitata potrebbe avere complessivamente altre ripercussioni. Può anche essere utile ricordare che la Stazione Spaziale Internazionale deve spesso eseguire manovre di emergenza per evitare potenziali collisioni con detriti spaziali. Detriti difficili da seguire Naturalmente, i nostri strumenti consentono di localizzare solo i detriti più grandi.

In questo contesto, è chiaro che si capisce il motivo delle agenzie spaziali Azione Per quanto riguarda le soluzioni per recuperare o distruggere i detriti spaziali.




You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *