La Spagna restituisce i resti di tre europei uccisi in Burkina Faso

Pubblicato in:

Venerdì sono stati restituiti alla Spagna i corpi di tre europei uccisi in Burkina Faso. Madrid ha rinnovato il suo impegno nella regione del Sahel, insieme a Francia, Germania e Italia “per continuare a sostenere gli sforzi di pace e stabilità”.

Un aereo dell’aeronautica militare spagnola, un Airbus 310, è atterrato venerdì 30 aprile alle 09:00 (07:00 GMT) alla base aerea di Torrejón de Ardoz, a est della capitale spagnola, con i resti di tre europei uccisi in Burkina Faso.

Il governo del Burkina Faso ha confermato, martedì, l’uccisione dei giornalisti spagnoli David Perrian e Roberto Friel, e dell’irlandese Rory Young, capo dell’organizzazione non governativa internazionale Shinjita, per proteggere la fauna selvatica.

Le emozioni erano così intense a Torrejón de Ardoz quando 24 ufficiali dell’aviazione spagnola hanno trasportato lentamente le tre bare, alla presenza dei ministri degli esteri spagnoli, Arancha Gonzalez Laia, della difesa Margarita Robles, nonché dell’ambasciatore irlandese Seale. Maguire e familiari di giornalisti spagnoli.

Lo chef ha dichiarato: “Tutti noi vogliamo rendere omaggio a chi c’è dietro la macchina da presa, che a volte è invisibile (…) David e Roberto, che tanto hanno fatto per dare voce a chi non ha voce”. Diplomazia spagnola.

I tre uomini sono stati uccisi all’inizio di questa settimana nel Burkina Faso orientale, mentre erano con una pattuglia anti-bracconaggio composta da soldati del Burkina Faso e guardie forestali che lunedì è stata attaccata da uomini armati. I due giornalisti, due giornalisti esperti con conoscenza delle cause della guerra, stavano girando un documentario.

Madrid conferma il suo impegno per la regione del Sahel

“Se impariamo una lezione da questo terribile evento, è della massima importanza che il nostro paese continui a sostenere gli sforzi di pace e stabilità nella regione del Sahel”, ha detto la signora González Laya. “La guerra contro il terrorismo in queste aree non si fermerà”, ha aggiunto la sua collega della difesa, Margarita Robles. Ha detto: “Saremo duri” con lui.

READ  Ricarica rifiuti italiani dov'è?

I soldati spagnoli sono coinvolti in particolare nell’addestramento dell’esercito maliano, oltre a Barkhane, la forza anti-jihadista francese schierata nella regione del Sahel.

In una dichiarazione congiunta rilasciata a Madrid, Madrid, Germania, Spagna, Francia e Italia hanno affermato che continueranno a “sostenere gli eserciti, i gendarmi e le forze di sicurezza interna della regione nelle loro operazioni. Formazione, addestramento e rafforzamento delle capacità”.

Il comunicato stampa pubblicato da questi quattro paesi europei specifica che questa assistenza alla sicurezza dovrebbe essere fornita nel quadro del “rispetto delle procedure giudiziarie e dei diritti umani”, riferendosi alle crescenti critiche sollevate dalla presenza militare europea nella regione del Sahel, in particolare il Barkhane operazioni. .

Un’indagine per scoprire gli autori dell’attentato

Inoltre, la Corte nazionale delle udienze, che è un tribunale competente per esaminare i casi più delicati, compresi i casi di terrorismo, ha deciso di aprire un’indagine sulla morte di giornalisti, come fa ogni volta che una vittima spagnola di un omicidio all’estero, noi appreso da fonti giudiziarie.

La signora González Laya ha detto di essere “convinta, perché ci hanno detto”, che le autorità del Burkina Faso “ci aiuteranno a chiarire cosa è successo” e “determinare chi c’è dietro (..) questi atti terroristici, in modo che gli autori possano essere assicurato alla giustizia. “

Aveva menzionato in una dichiarazione in cui un gruppo jihadista rivendicava la responsabilità dell’attacco e invitava il governo del Burkina Faso a condurre un’indagine “per chiarire tutti i fatti”.

Con Agence France-Presse

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *