La selfie intervista di Edoardo Iachizzi, primo ambasciatore italiano all’RCV – Vannes



I tuoi primi ricordi nel rugby?

I primissimi furono ai margini del campo, quando andai con mia madre a vedere l’allenamento di mio fratello maggiore. Come giocatore, è stato un po ‘più tardi, intorno ai 6-7 anni, il giorno in cui ho ricevuto il mio completo completo dal mio club, la Capitolina Rugby Union.

La persona che ti ha fatto progredire di più?

Tutti gli allenatori mi hanno dato qualcosa. Se è necessario scegliere, dirò Francesco Saverio Pompili, che è stato il mio allenatore in U 16 e U 18 e con il quale sono stato due volte campione italiano e due volte finalista. E Mathieu Julia, il mio allenatore per l’U21 a Perpignan.

I tuoi ricordi migliori e peggiori nel rugby?

Ricordo solo i bei ricordi. La mia prima selezione per la squadra italiana davanti alla mia famiglia rimane un momento molto speciale per me. In nazionale ho anche partecipato a due tornei da sei nazioni e due coppe del mondo U18 e U20.

Quale giocatore di rugby ammiri di più?

Ce ne sono molti, ovviamente. Ma direi il capitano del Galles Alun Wyn Jones, per il suo carisma e la dedizione alla maglia.

Il miglior sportivo di tutti i tempi?

È impossibile rispondere a questa domanda! Quindi vi do tre nomi: Michael Jordan, Roger Federer e Michael Schumacher. E se dovessi citare un italiano sceglierei il calciatore Roberto Baggio.

Un portafortuna o un tic prima della partita?

Seguo sempre la stessa routine prima delle riunioni. Faccio la doccia, mi preparo, mi allaccio le cinghie in orari precisi. Prima ho indossato questa o quella scarpa e così via.

Un libro ?

Mi piacciono i libri di filosofia e di storia. Ho appena finito un trattato su Socrate e attualmente sto leggendo un libro su Platone. Credo che la filosofia possa essere molto utile nella vita.

READ  Olimpiadi 2020: l'Italia sfugge alle sanzioni del CIO e potrà competere a Tokyo con i suoi simboli

Un film ?

” Il silenzio degli agnelli “.

Una serie?

“Romanzo Criminale”, la migliore serie romana secondo me.

Un cantante o un gruppo?

Lucio Battisti, cantante degli anni ’70 e ’80 dallo stile piuttosto romantico. Mi piacciono le vecchie canzoni italiane, ma mi piacciono anche le canzoni francesi!

Cosa odi di più?

Persone superficiali.

Il tuo piatto preferito?

Ovviamente è un piatto italiano: la pasta alla gricia. È una sorta di carbonara senza uova, con pecorino, pepe e guanciale, guanciale essiccato.

Il tuo ristorante preferito?

Quest’estate sono andato regolarmente a casa Jégat ad Arradon. È molto buono e il sito è molto bello.

E il bar?

Le Corlazo, a Conleau, per l’aperitivo.

La tua vacanza ideale?

In Italia, per vacanze itineranti, in auto o in scooter. L’Italia è un bel paese.

L’angolo qui intorno dove ti piace camminare?

Con la mia ragazza andiamo abbastanza spesso sulla punta di Arradon. O a Quiberon se abbiamo un po ‘più di tempo.

La riqualificazione che stai considerando?

Vorrei restare nel mondo dello sport, oppure andare a insegnare (ha conseguito una laurea in storia). Ma tengo tutte le porte aperte …

La tua filosofia di vita?

“Ciò che non ti uccide ti rende più forte”, di Nietzsche. Ma anche “Chi non prova niente non ha niente”.

Sostieni una redazione professionale al servizio della Bretagna e dei britannici: abbonati a partire da 1 € al mese.

Mi iscrivo

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *