La scienza dei dati cambierà tutto nel mondo degli affari

Dalla sua fondazione nel 2018, Moov AI ha aiutato le aziende a migliorare le loro operazioni attraverso l’apprendimento automatico e la scienza dei dati. A causa della pandemia, deve a sua volta cambiare le sue pratiche per essere più efficiente nel rispondere all’esplosione della domanda.

Leggi anche: Una spinta per rilanciare l’economia

Per prima cosa è passata al 100% al lavoro a distanza. “Ci siamo resi conto che eravamo molto efficaci nel lavorare da remoto”, spiega Olivier Blaise, co-fondatore della giovane azienda, “così abbiamo lasciato i nostri uffici.

“Abbiamo anche dato la priorità allo sviluppo del prodotto di convalida del modello statistico, che diventerà il nostro obiettivo. Questo strumento ci consentirà di avere le migliori proiezioni possibili al fine di fornire valore a lungo termine e accelerare la maturità delle aziende di intelligenza artificiale (AI) . “

“Compila i campi”

Per quanto riguarda Moov AI, non è più necessario cercare voti, le aziende oggi sono le (predefinite) a bussare alla loro porta.

“Da aprile è pazzesco. Le aziende hanno individuato i loro legami deboli. Vogliono colmare le lacune e, soprattutto, farlo nel modo giusto. Hanno progetti concreti con orario specifica. E grandi budget. È eccitante per noi, non dobbiamo più pagare. “

Settori diversi

Moov AI serve clienti di vari settori: farmaceutico, telecomunicazioni, logistica, istituzioni pubbliche, fondi comuni di investimento, ecc.

“Alcuni clienti sono più lenti di altri. In un certo senso, ci ha aiutato. Abbiamo distribuito i progetti a diversi team, il che ci ha permesso di implementare rapidamente. Dall’inizio della crisi, abbiamo scelto di trattenere il nostro personale. Siamo molto felice quel giorno “, dice il signor Blaze.

READ  Lourdes - invita lo stesso festival della scienza al castello di Chateau

Moov AI attualmente impiega circa 15 persone e prevede di aumentare la sua forza lavoro a 25 entro la fine del 2020.

“L’epidemia ha mostrato ai dirigenti quanto siano importanti i dati per consentire loro di migliorare le loro operazioni e innovare. Ci stiamo muovendo verso un’altra fase di sviluppo”, aggiunge Blaise.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *