La resistenza all’Ebola in Guinea resta alta

Un funzionario della Croce Rossa avverte della resistenza dei residenti alle misure per combattere l’Ebola in Guinea.

Nel momento in cui L’Ebola riemerge in GuineaUn funzionario della Croce Rossa ha avvertito in un’intervista all’Agence France-Presse che le misure per cercare di contenere il virus mortale incontrano resistenza da parte della popolazione.

“Ciò a cui stiamo assistendo sul campo è una grande resistenza all’interno delle società così come l’esitazione religiosa”, ha affermato Emmanuel Capobianco, Direttore della sanità e dell’assistenza presso la Federazione internazionale delle società della Croce Rossa e della Croce Rossa. Mezzaluna Rossa (IFRC), venerdì.

Questo non sorprende il medico: “L’ebola è una malattia che spaventa le persone. È una malattia terribile che uccide molti”.

Il virus, infatti, si trasmette attraverso i fluidi corporei e il tasso di mortalità è elevato, solitamente intorno al 50%.

La recrudescenza della malattia è stata osservata in Guinea, a seguito dei decessi alla fine di gennaio, a metà febbraio, e da allora le autorità e gli attori internazionali si sono mobilitati energicamente per fermare potenziali infezioni, isolare e curare i pazienti e lanciare una campagna di vaccinazione. . .

Ad oggi sono stati segnalati 18 casi. Sono stati confermati 14 casi, tra cui 4 persone decedute, secondo gli ultimi dati diffusi venerdì dall’Organizzazione mondiale della sanità.

“La ricorrenza di questa malattia provoca naturalmente molta ansia”, afferma il dott. Capobianco.

“Ci sono molti traumi”, che dice “si traducono in conflitti”.

Più di 11.000 morti nel 2016

La peggiore epidemia di Ebola – un virus identificato per la prima volta nel 1976 in quella che oggi è la Repubblica Democratica del Congo – è iniziata nel dicembre 2013 nelle foreste della Guinea, prima di diffondersi nella vicina Liberia e Sierra Leone.

READ  Fingere di essere morto un'ora alla volta

Si è conclusa nel 2016 dopo aver causato più di 11.300 decessi per quasi 28.600 casi registrati, e più del 99% in questi tre paesi – su dieci colpiti, tra cui Spagna e Stati Uniti – un bilancio che potrebbe non essere stato valutato, secondo il Organizzazione mondiale della sanità.

Durante la prima epidemia di Ebola registrata in Africa occidentale, la gente del posto a volte si ribellò contro l’intervento di stranieri che indossavano giubbotti protettivi.

Queste reazioni sono culminate nel massacro del settembre 2014 di otto membri della squadra di sensibilizzazione a Wome, nella foresta della Guinea.

La Federazione internazionale delle società della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa, che è fortemente coinvolta in molti aspetti del controllo delle malattie in Guinea, ha contribuito in modo significativo a sviluppare un approccio più sicuro alle cerimonie funebri, rispettando il più possibile la tradizione.

Questa dimensione è importante perché le persone appena morte sono le più contagiose, rendendo le pratiche funebri tradizionali, come il lavaggio del corpo, estremamente pericolose.

In Guinea, ad esempio, diverse persone sono state contagiate durante il funerale di un’infermiera di 51 anni, primo caso noto di questa nuova epidemia.

Il dottor Capobianko afferma che la Federazione internazionale delle società della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa ha già dovuto superare una forte resistenza all’introduzione delle sue nuove pratiche funebri durante la precedente epidemia.

“Essere contagiati da Ebola non è sinonimo di pena di morte”

Spiega che questi cimiteri “hanno un grande impatto in termini di riduzione della trasmissione”, aggiungendo: “Non siamo sempre stati in grado di farlo perché la comunità si è semplicemente rifiutata di consentire le squadre della Croce. I rossi vengono ai funerali”.

READ  Istruzione: i bambini imparano bene a distanza? | Inserm

Ma insiste: “Questo è un problema che può essere risolto ascoltando le comunità, pensando alle loro preoccupazioni, spiegando qual è la malattia e dimostrando che essere infettati da Ebola non è sinonimo di pena di morte”.

La lotta contro l’Ebola è oggi meno equilibrata, grazie a vaccini e farmaci che non erano presenti durante l’epidemia 2013-2016 che stanno riducendo i decessi.

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, più di 1.600 persone sono già state vaccinate, inclusi contatti e operatori sanitari.

Il primo dipendente dell’IFRC è stato vaccinato venerdì, afferma il dott. Kabobianko.

“Questa volta possiamo utilizzare strumenti molto potenti e, finché riusciamo a convincere le comunità e coinvolgerle nella battaglia (contro la pandemia), dobbiamo essere in grado di mantenere il controllo”, afferma.

È vietata qualsiasi riproduzione

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *