La protesi cardiaca: prima canadese al Montreal Heart Institute | scienza | notizie | il Sole

“Ci consente di trattare pazienti con malattia della valvola aortica e aneurisma aortico, con lo stesso impianto che sostituirà sia la valvola che l’aorta con una valvola biologica, con una tecnologia che consente il potenziale per consentire una durata dell’impianto più lunga”, ha riassunto il dottor Philip Demers, chirurgo di cardiologia presso l’International Heart Institute.

La malattia della valvola aortica (che controlla il flusso sanguigno dal ventricolo sinistro all’aorta) si verifica quando la valvola aortica non può aprirsi o chiudersi correttamente. Possono portare a insufficienza cardiaca o cardiomegalia, cioè un aumento delle dimensioni del cuore.

La nuova protesi che il dottor Demers e colleghi hanno impiantato il 31 maggio si distingue per il fatto che il tubo e la valvola sono già assemblati, riducendo i tempi ei rischi legati all’intervento.

Senza questa nuova protesi, ha detto il dottor Demers, “noi stessi avremmo dovuto cucire una valvola in un tubo sul tavolo operatorio”.

“Quindi rendiamo la procedura più efficiente con meno tempo sprecato ed evitiamo potenziali piccoli errori tecnici avendo questo tubo già pronto in fabbrica”, ha spiegato.

I chirurghi possono utilizzare valvole meccaniche o biologiche per trattare questo tipo di problema.

Le valvole biologiche, realizzate con tessuto umano o animale, vengono solitamente offerte a pazienti leggermente più anziani, poiché hanno una vita utile di dieci o quindici anni. I pazienti che lo ricevono non hanno bisogno di assumere anticoagulanti.

Al contrario, le valvole meccaniche vengono solitamente impiantate per i pazienti più giovani che durano più a lungo, ma richiedono anticoagulanti.

Il dottor Demers ha affermato che la nuova valvola, sebbene biologica, sarebbe disponibile per questi pazienti più giovani.

READ  "Trasformare la bandiera": liberare la scienza dal capitalismo

“L’impianto che abbiamo utilizzato utilizza la tecnologia più recente […] tentare di ritardare o prevenire la calcificazione o il deterioramento dei tessuti biologici”.

Questo dovrebbe avere l’effetto di migliorare la qualità della vita dei pazienti, evitando loro di dover assumere anticoagulanti per molti anni.

Demers ha affermato che la nuova valvola sembra promettente e “i dati umani fino a cinque anni finora sono molto incoraggianti”.

“Ma questa è la storia della chirurgia cardiaca”, ha detto in conclusione. Spesso dobbiamo aspettare dieci o quindici anni per poter confermare le nostre impressioni cliniche”.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *