La perseveranza conosce le sue prime paure su Marte

È una star della NASA, ma Perseverance ora ha diversi “mal di gola” che gli impediscono di funzionare.

Era una stella della NASA Da quando è arrivato nel nostro vicino rosso lo scorso febbraio. Ma negli ultimi giorni il rover sembra avere mal di gola. Il rover ha infatti raccolto nei giorni scorsi il suo sesto campione di roccia, mentre questi piccoli pezzi del Pianeta Rosso devono essere sigillati in provette, come nella foto sotto, in modo che i test possano essere condotti sulla Terra.

© Nasa

Una seconda missione dovrebbe già arrivare entro diversi anni su Marte per recuperare le provette e riportarle sulla Terra, all’inizio degli anni ’30. Uno studio così completo del suolo di Marte dovrebbe consentire agli scienziati della NASA di svelare gli ultimi segreti del nostro vicino, inclusa la risposta alla domanda cruciale: Marte ha accolto con favore la vita nel suo passato?

Prove della vita su Marte a portata di mano

Alcuni ottimisti, come Jean Francois chiaroveggente Ci ha detto che quando il rover è atterrato, penso che la vita potrebbe ancora essere rilevante su Marte, nel seminterrato. Sebbene oggi non ci sia consenso su questa teoria, è ampiamente accettato che il Pianeta Rosso abbia certamente ospitato la vita negli ultimi milioni di anni.

La NASA spera che la persistenza fornirà la prova di una precedente esistenza di vita su Marte, anche se quest’ultima era certamente solo microbica. Per dimostrare questa teoria, è quindi necessario raccogliere pezzi di roccia all’interno del cratere Jezero. Una missione che il rover ha intrapreso finora con grande successo.

Ingranaggio di ghiaia

Ma ora, durante l’ultimo tentativo di raccolta, avevo catturato diversi piccoli sassolini. Quando gli ingegneri a terra hanno ricevuto segnali di avvertimento che indicavano una resistenza inaspettata, hanno chiesto alla Perseveranza di scattare foto dell’area di assemblaggio (foto sotto).

perseveranza caillou-nasa
© Nasa

Ora che i detriti sono stati confermati, la NASA si prenderà del tempo per ripulirli. È già la prima volta che l’agenzia spaziale statunitense deve attuare una misura del genere. Come hanno detto i nostri colleghi scientifici, questa non è la prima volta che la NASA e il JPL, il laboratorio dell’agenzia responsabile di questa missione, hanno problemi di persistenza.

Il primo set della NASA è stato un fallimentoNessun sasso è entrato nella provetta. JPL sembra aver imparato dai propri errori e i successivi quattro tentativi hanno avuto molto successo.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *