La nuova versione arriva su Google Pixel

Google ha iniziato a lanciare Android 13, la nuova grande versione del suo sistema operativo mobile. Al momento sono interessati solo alcuni modelli Pixel, ma a breve dovrebbero seguire smartphone di altri brand.

Il Google Prendi un po’ di vantaggio quest’anno. Di solito, il gigante di Internet rilascia le sue nuove versioni di Android dopo l’inizio dell’anno scolastico – robot 12 è stato pubblicato lo scorso ottobre e Android 11 a settembre 2020. Questa volta, nel pieno dell’estate, arriva il nuovo sistema operativo. in Un post sul blog è stato pubblicato il 15 agostola società ha annunciato di aver ufficialmente iniziato il lancioAndroid 13 Su smartphone Pixel. L’aggiornamento sarà presto disponibile su smartphone di altri produttori.

Tra le novità possiamo apprezzare le piccole modifiche estetiche apportate all’interfaccia ma anche le novità legate alla sicurezza, alla riservatezza e all’ergonomia generale. Google sta inoltre specificando che riprenderà alcune delle funzionalità già presenti in Android 12L, una versione speciale del sistema adattata a tablet e smartphone con schermo pieghevole.

Cosa c’è di nuovo in Android 13?

Le prime modifiche estetiche, gli smartphone Pixel dell’azienda non saranno gli unici con la personalizzazione Material You che permette di adattare il colore delle icone allo sfondo scelto. Le icone per tutte le app (non solo quelle di Google) potranno coordinarsi con lo sfondo e persino sfruttare la modalità oscura. “A partire da Android 13, gli utenti possono scegliere le icone delle app con i temi. Con questa funzione, le icone nei lanciatori di app Android supportati sono colorate per ereditare il colore di sfondo e le icone delle app. Altri temi selezionati dall’utente”digita Google Teams.

Inoltre, gli sviluppatori di applicazioni possono consentire all’utente di aggiungere autonomamente una casella nel riquadro Collegamenti per l’accesso diretto a una funzione e questo senza passare attraverso le impostazioni di sistema. Pratica. Rigorosamente nel regno delle scorciatoie, Google sta finalmente incorporando un modulo che ti consente di scansionare un codice QR senza dover prima avviare l’app della fotocamera. Era tempo.

© Google

In maniera più narrativa, Android 13 permette di modificare la posizione dell’ora sulla schermata di blocco, che di default viene mostrata significativamente al centro. Un’opzione offre la possibilità di appuntarla come miniatura su una riga, ad esempio nella parte in alto a sinistra dello schermo, come con Android 12 quando vengono visualizzate le notifiche. Dettagli quindi.

READ  BTS: Il loro nuovo titolo inglese Butter sta per uscire?

In termini di ergonomia, Google semplifica l’utilizzo di Android e le app installate per gli utenti che lavorano in più lingue. Pertanto, l’applicazione avviata può essere visualizzata in una lingua diversa da quella conservata per il sistema. Questa funzione, che può sembrare banale, sarà molto utile per i bilingui ma aiuterà anche ad evitare traduzioni approssimative o scomode che si trovano in alcune applicazioni.

È anche più facile condividere occasionalmente il tuo smartphone con un altro utente. Il nuovo menù ti permette di aggiungere un ospite che ovviamente non potrà accedere ai tuoi dati e ai tuoi file personali. Non è necessario avere un account Google installato sul dispositivo per utilizzarlo come avviene attualmente. Soprattutto, il proprietario del telefono può decidere quali applicazioni l’ospite potrà utilizzare.

© Google

Il sistema migliora anche il controllo delle notifiche e pulisce regolarmente gli appunti. In Android 13, infatti, le app sono soggette a un’unica richiesta di autorizzazione per visualizzare le notifiche, come già avviene per accedere, ad esempio, alla posizione o alla fotocamera. In questo modo, questo controllo personale eviterà troppe notifiche, che generano un sovraccarico di informazioni non sempre rilevanti o addirittura un po’ di stress in alcuni casi.

Google sta anche lavorando per migliorare la sicurezza dei dati personali. Con Android 13 è possibile consentire a un’applicazione di accedere a una selezione di file multimediali salvati sul dispositivo e non a tutte le foto e i video memorizzati. Funzionalità che dovrebbero essere implementate successivamente nelle versioni precedenti di Android (da Android 11 ma escluso Android Go).

© Google

Inoltre, Android 13 offre un’innovativa funzione di gestione del consumo energetico. battezzato TARE, per Economia delle risorse Android, utilizza il sistema dei crediti risorse assegnato alle applicazioni. Ogni applicazione annuncia di quanti “token” ha bisogno per svolgere i suoi compiti, ed è il sistema che decide di assegnarli o meno, a seconda del livello di carica della batteria, e quindi della capacità di carica residua. Un’idea originale che consente ad Android di dare la priorità alle app importanti rispetto ad altre e a più accessori, che potrebbero quindi non funzionare normalmente una volta esaurito il credito.

READ  Facebook vuole competere con TikTok con la sua funzione video "Reels".

Android 13 abilita anche l’audio spaziale con il rilevamento del movimento della testa per auricolari e cuffie compatibili. Bluetooth EE Audio, un nuovo standard per i dispositivi Bluetooth che consente di risparmiare energia, offrire un suono migliore e condividerlo con più dispositivi. Android 13 migliora anche il supporto per tablet e l’utente può vedere tutte le proprie app a colpo d’occhio e trascinarle sullo schermo multitasking. Il sistema rileva inoltre meglio il palmo e lo stilo e ora include una nuova barra delle applicazioni per la gestione delle applicazioni.

Qual è la data di rilascio di Android 13?

Ricordiamo che Android 9 è stato ufficialmente rilasciato il 6 agosto 2018, Android 10 il 3 settembre 2019, Android 11 l’8 settembre 2020 e Android 12 il 4 ottobre 2021. Android 13 è in versione beta da un po’ di tempo dopo due anteprime per gli sviluppatori. Ora è ufficialmente disponibile da metà agosto 2022. Coloro che hanno un Pixel 3 o versioni successive inizieranno a vedere l’aggiornamento arrivare oggi o più tardi questa settimana.. Ma la versione ufficiale non sempre corrisponde alla disponibilità. Gli utenti di dispositivi non Google ne avranno bisogno Tuttavia, attendi una data non specificata per ottenere il sistema operativo mobile. Sappiamo già che non tutti i produttori aggiorneranno i propri dispositivi contemporaneamente. In effetti, a differenza finestre o macOS installato su richiesta Una volta rilasciato, Android viene installato in fabbrica, dal produttore del dispositivo o tramite un aggiornamento basato sull’overlay software utilizzato dal produttore. Quindi non c’è il rischio di vedere Android 13 su molti modelli prima della fine del 2022.

Quali dispositivi trarranno vantaggio da Android 13?

Il ritmo di rilascio delle nuove versioni di Android è sempre stato molto lento. Come al solito, gli smartphone Pixel di Google sono i primi a ricevere l’aggiornamento. Pixel 3, 4, 4 XL, 4A, 4A 5GNe risentono quindi il 5 e 5a 5G, il 6 e il 6 Pro. Inoltre, la società ha annunciato che gli aggiornamenti dovrebbero raggiungere i dispositivi SAMSUNGAsus, HMD Global, iQOO, Motorola, OnePlus, Oppo, Realme, Sharp, Sony, Tecno, vivo, Xiaomi, “E altro ancora”, “Entro quest’anno”..

Data la vita media del sistema operativo e gli aggiornamenti dei produttori che lo arricchiscono con il loro overlay software, è lecito aspettarsi che molti smartphone di fascia media e alta che usciranno nel 2023 avranno Android 13 di serie, e questo sarà il caso per tutti i modelli che arriveranno successivamente, incluso il livello base. L’eterna domanda resta per i modelli precedenti, ovvero gli smartphone attuali. E qui tutto dipende dalla politica di ogni produttore (puoi consultare stato dei fatti A questo proposito). Alcuni, come Samsung e Sony, “sono bravi studenti fornendo tre importanti aggiornamenti Android e quattro anni di aggiornamenti di sicurezza che garantiscono una buona durata dei loro dispositivi. L’anno scorso i coreani hanno indicato che i loro telefoni S, Z, Note e A, I dispositivi della serie XCover e Tab rilasciati dal 2019 beneficeranno di quattro anni di aggiornamenti di sicurezza. XiaomiOppure Oppo, Realme, Vivo, Asus, OnePLus, Lenovo-Motorola, LG o anche ZTE, accontentati di due importanti aggiornamenti di sistema. E alcuni si limitano a uno dopo il rilascio dei loro modelli, il che li rende rapidamente obsoleti … Come con Android 12, sarà necessario guardare caso per caso gli aggiornamenti offerti.

READ  Cos'è Yu-Gi-Oh! La data di uscita del cellulare Duel Master?

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.