La nave di salvataggio “Geo Barents” torna nel Mediterraneo, l’Italia libera la nave di MSF

La nave di soccorso di Medici Senza Frontiere (MSF) Geo Barents è tornata a navigare nel Mar Mediterraneo. La Guardia costiera italiana lo ha rilasciato dopo averlo immobilizzato per tre settimane nel porto di Augusta in Sicilia. Secondo le autorità, alla Geo Barents non è stato permesso di navigare a causa di irregolarità tecniche, ma secondo l’ONG, questo era un pretesto per fermare le sue operazioni di soccorso.

La nave è stata rilasciata il 26 luglio. Secondo un tweet di Medici Senza Frontiere, la capacità di Geo Barents di salvare i migranti era urgentemente necessaria.

La Geo Barents si unirà alle altre due navi della ONG

La nave si unirà ora alla Ocean Viking e alla Sea-Watch 3, altre due navi di soccorso delle ONG.

L’Ocean Viking ha attualmente a bordo 555 persone che hanno incontrato difficoltà in mare nei giorni scorsi. La nave sta cercando un rifugio sicuro per riportarli indietro.

La Sea-Watch 3 ha a bordo quasi 260 migranti. La guardia costiera ha accettato di far scendere dalla nave diverse persone su richiesta dell’ONG Sea Watch a causa del loro cattivo stato di salute.

Circa 420 migranti sono arrivati ​​in barca lunedì sera sull’isola italiana di Lampedusa. I migranti tentano regolarmente di attraversare il Mediterraneo verso l’Europa dal Nord Africa, nonostante i rischi sostenuti dalla traversata.

Circa 990 migranti sono già annegati nel Mediterraneo quest’anno, secondo i dati delle Nazioni Unite.

READ  Svizzera, Italia, Francia ...: come questi paesi pensano al declino

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *