La migrazione degli uccelli ha affascinato Einstein

Mentre guardava il servizio della BBC sulle api nel 2019, Judith Davis ha ricordato l’esistenza di una lettera inviata da Einstein al suo defunto marito, Glenn. Negli anni ’40, quest’ultimo si interessò alle ricerche del comportamentista Carl von Frisch sulla capacità delle api di dirigere grazie alla polarizzazione della luce dal cielo.

Einstein racconta in questa breve lettera che aveva familiarità con il lavoro di Carl von Frisch. Soprattutto, dice di ritenere che l’analisi delle percezioni degli animali possa consentire la comprensione di processi fisici ancora sconosciuti. Come esempio promettente cita un esame del comportamento degli uccelli migratori.

Una sensazione che è stata dimostrata dopo 70 anni! Fu nel 2004 che uno studio Dimostrò per la prima volta che i castelli navigano grazie a una qualche forma di bussola magnetica. Una teoria per spiegare questo fenomeno Viene dalla biologia quantistica Che, come suggerisce il nome, riguarda i legami tra la meccanica quantistica e la biologia.

“Ci mostra quanto fosse straordinario Einstein”, ha detto Adrian Dyer, lo scienziato che ha visto Judith Davis nel rapporto della BBC. Deve aver pensato a questo problema, a questi uccelli che si orientano proprio a distanze incredibili. Ha anticipato fino a che punto questa impresa sarebbe stata difficile e ha ritenuto che il suo studio avrebbe potuto spingere i confini della nostra comprensione della fisica”. Il professor Dyer e colleghi hanno raccontato l’intera faccenda. in un articolo Il Journal of Comparative Physiology A Inserito lo scorso maggio.

Un’aspettativa non soprannaturale per Annie Angers, professoressa del Dipartimento di Scienze Biologiche dell’Università di Montreal. “Tutti gli scienziati sanno che la natura ha molto da insegnarci, quindi non mi sorprende che Einstein possa aver pensato a questo”.

READ  Quando le malattie della "fede" mettono in pericolo la democrazia الديمقراطية

Invece, è stato il lavoro investigativo del professor Dyer a impressionarla. In effetti, Adrian Dyer e il suo team devono aver studiato i ricordi e gli archivi della famiglia Davys dell’epoca per chiarire l’oggetto della lettera iniziale di Glyn Davys (ora non rintracciabile) e capire perché ha avuto contatti con Einstein. innanzitutto. “Ho trovato le parole del signor Dyer molto avvincenti”, dice Annie Ingres. Ma quando finalmente abbiamo letto questa famosa lettera di Einstein, ci siamo resi conto che era lunga solo 10 righe. Cade un po’ piatto! Ciò che rafforza la reputazione di questo grande spirito di uomo di poche parole.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *