La mia vita non convenzionale su Netflix: moda, ebraismo e sogno americano vanno insieme in qualche modo

È una piccola batteria elettrica su una molla che troviamo in essa La mia vita non convenzionale, reality TV firmato Netflix uscito a metà luglio 2021 sulla piattaforma di streaming. Julia Hart, anni ’50, galleggiante su pompe a piattaforma Gucci L’uomo alto e bruno stordito e il corpicino nervoso, guida il suo mondo con la bacchetta. CEO digruppo d’élite globale, correndo da destra a sinistra, frequentando appuntamenti, organizzando una sfilata di moda, supervisionando il lancio di una collezione di prêt-à-porter…tutto senza sbarazzarsi del suo prezioso tuttofare, Robert BrothertonCOO, con una lingua forte e uno stile brillante come il suo capo. benchè, La mia vita non convenzionale Non l’ennesimo reality show sullo spietato mondo della moda, ma la storia della rinascita di una donna a lungo chiusa in un maglione allacciato, che ora sta vivendo la vita che ha sempre sognato.

In principio era Julia LeBeouf

Julia non ha dato alla luce Hart (torneremo su questo), ma Leboeuf11 aprile 1971 a Mosca. La bambina aveva solo tre anni quando la sua famiglia materna lasciò la Russia per il clima subtropicale di Austin, in Texas. Julia frequenta una scuola privata ed è l’unica ragazza ebrea della sua classe fino alla quinta elementare, quando i LeBeouf, diventati più religiosi, si trasferiscono di nuovo per sbarcare a Muncie, in un’Stato di New York. questo è ” Il posto per il censimento (un’area designata dall’Ufficio del censimento degli Stati Uniti a fini statistici) ospita una grande comunità Haredi, spesso definita ultra-ortodossa o solo ultra-ortodossa. Lì, la vita di Julia è sconvolta, poiché è stata catturata lo scorso luglio da Agenzia Telegrafica Ebraica : “Sono sempre stato molto orgoglioso di essere ebreo, amavo la mia identità ebraica. Non sapevo che questo significava che dovevo isolarmi dal resto del mondo”.

Come altri residenti di Muncie, Julia LeBeouf vive già in un vuoto lontano dalla società contemporanea. Molto religiosa, la comunità Haredi segue letteralmente i principi della Torah, e alcuni dei suoi membri sono arrivati ​​al punto di rifiutare qualsiasi forma di modernità o innovazione. La giovane donna soffoca, ma aderisce a questa dura quotidianità, e si prepara ad essere una buona moglie, che diventa all’età di diciannove anni quando lo sposa. Joseph Hendler, i suoi cinque anni. Insieme, la coppia ha quattro figli: Bachvhe Shlomoe Myriam e Aaron, prima di passare a Atlanta, dove la persona che ora è chiamata Talia Hendler Scopre una comunità ebraica ortodossa più “aperta”. A crederci, è qui che gradualmente si libera, mettendo in discussione tutto ciò che ha imparato, fino a vendere, nella massima segretezza, l’assicurazione sulla vita per poter mettere da parte qualche soldo. Ma tutto questo La mia vita non convenzionale Non dircelo, o troppo poco: la vita di Julia LeBeouf/Talia Hendler prima di diventare Julia Hart è difficilmente raccontata a grandi linee. Sappiamo solo che ha finito per lasciare la comunità Haredi nel 2013, prima di lanciare il suo marchio di scarpe.

seguace, Julia Hart (un nome che ha scelto perché evoca il suo nome da nubile Leibov, che deriva dalla parola ebraica “leiv”, che significa “cuore”, che significa “cuore” in inglese) definisce il sogno americano così com’è. Mi piacerebbe che ce lo raccontassi in TV. Il successo del suo marchio di scarpe, venduto in 17 paesi in tutto il mondo, le ha permesso di essere scoperta dal marchio di biancheria intima. La perla, con cui ha collaborato nel 2016, prima di essere nominata nello stesso anno Direttore Artistico. A marzo 2019, eccola qui, CEO e COO di Elite World Group, un conglomerato di media che include la famosa agenzia di modelle Elite Model Management. Nello stesso anno si è sposata Silvio ScaliaÈ un uomo d’affari italiano che possiede Elite World Group, una sussidiaria di Freedom Holdings, insieme a sua moglie.

La nuova vita di Julia Hart

Così, da intrepida CEO, madre e killer fondamentalista, scopriamo Julia Hart attraverso i nove episodi di La mia vita non convenzionale. A prima vista, spuntano tutte le scatole del reality di intrattenimento con personaggi colorati (un riferimento speciale allo stravagante Robert Brotherton, il gay che avrebbe un guardaroba impeccabile), scene di crisi seguite da grandi riconciliazioni e stravaganze di ogni tipo. amanti saldi al tramonto Lo splendido attico Tribeca dei mariti Haart-Scaglia apprezzerà, con finestre dal pavimento al soffitto che si affacciano sull’Hudson e il gigantesco spogliatoio; Gli amanti della moda apprezzeranno questo episodio speciale settimana della moda Chi vede l’intera famiglia sistemarsi in un castello medievale a un’ora da Parigi prima di andare a fare shopping? Balmain ; E i più curiosi potranno scoprire il rovescio della Muncie.

READ  Amazon ha trasmesso la Champions League in Italia

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *