La mafia del commercio italiano di rifiuti

membroattarMagdi Carbay, ha sottolineato l’impatto ambientale e sanitario del trasporto dei rifiuti italiani in Tunisia. Ha sottolineato che questa operazione è stata eseguita in diverse occasioni e che l’operazione scoperta nel 2020 non è la prima nel suo genere.

visitatore 13 gennaio 2022 Di Miriam Belkadhi alla radio sole Magdy FM Carbay Un rapporto italiano ha rivelato che altri rifiuti sono stati introdotti in territorio tunisino attraverso un porto situato a 50 chilometri dalla capitale e inviati ai centri segreti per ricevere i rifiuti. « La Tunisia si è trasformata nella spazzatura d’Europa! Il 23 dicembre 2021 abbiamo arrestato il Tribunale di primo grado di Tunisi per aprire un’indagine in merito! Abbiamo presentato tutti i documenti per questo caso al fine di addebitare tutte le persone e le organizzazioni coinvolte! “,” Ha detto.

Il rappresentante ha indicato che la magistratura tunisina non ha risposto alle richieste dei tribunali italiani di sequestrare organismi internazionali al fine di smantellare la rete mafiosa coinvolta in questo tipo di affari. Ha spiegato che la Commissione parlamentare contro la mafia ha avviato, il 12 gennaio 2022, un’audizione per i giudici italiani e rappresentanti della Procura della Repubblica sulla questione dei rifiuti. « Questo conferma il coinvolgimento della mafia in questo caso! “,” Ha completato.

Magdi Carbay Deplora la mancanza di reazione da parte delle autorità tunisine. « Nessuna lamentela fatta! Le segnalazioni dei tribunali italiani indicano l’assenza di un rappresentante della parte lesa, ovvero la Tunisia… Una delegazione delle Nazioni Unite si è recata in visita in Italia e ha lamentato la lentezza delle procedure per il trasferimento dei rifiuti nel Paese di origine. Anche gli eurodeputati stanno premendo su questo argomento! “,” È per spiegare.

READ  Il debito globale è vicino al 100% del PIL


Il deputato ha sottolineato l’importanza di aprire un’indagine su tutti i rifiuti inviati in Tunisia e Non Limitato a quelli scoperti a Sousse. Ha affermato il diritto delle generazioni future a un ambiente sano ea perseguire i responsabili di questi crimini.

D’altra parte, Majdi Carbay Ha fatto riferimento all’espulsione di 12.000 immigrati irregolari tunisini nel 2021. « L’Italia ha espulso più di 1.600 tunisini contro tre algerini e 28 marocchini… È vero che questi individui si trovavano in una situazione irregolare. Più, Dobbiamo preservare e garantire i loro diritti. Alcune persone sotto pressione in Tunisia e in situazioni delicate, come le minoranze sessuali, scelgono di emigrare per poter successivamente ottenere lo status di rifugiato. L’Italia lo vieta ai tunisini e li priva di questo diritto. Mettili nei centri di espulsione. Bello Abdul Latif È stato messo in uno di questi centri ed è morto mentre era legato in un letto d’ospedale! “,” confermato.

Il rappresentante ha denunciato il mancato controllo su questi centri e le reazioni delle autorità tunisine. « Molti I rapporti confermano abusi e violazioni dei diritti delle persone in questi centri… I tunisini sono vittime di attacchi e molestie! “,” Ha aggiunto.

SG

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.