La guerra in Ucraina: la situazione sul campo all’ottantaquattresimo giorno

L’American Institute for the Studies of War (ISW) ha riferito di un’intensificazione del fuoco di artiglieria contro le strutture di confine ucraine nelle regioni di Chernihiv e Sumy nelle ultime settimane, inclusi 70 attacchi solo martedì. (Foto: Getty Images)

Questo testo raccoglie tutti gli ultimi sviluppi sull’invasione russa dell’Ucraina quel giorno 18 maggio. Per trovare tutta la nostra copertura della controversia, la trovi qui. Così. Alcuni contenuti sono autoesplicativi e potrebbero essere difficili da leggere.

8:54 | Parigi, (AFP) – È proseguita mercoledì la resa dei soldati ucraini che difendevano la posizione dell’Azovstal a Mariupol (sud-est), secondo Mosca, le cui forze stanno avanzando lentamente in prima linea nella regione del Donbas (est).

L’84° giorno di guerra, che ha segnato l’inizio dell’invasione russa il 24 febbraio con un numero molto elevato di vittime civili, è anche il giorno in cui è iniziato il processo contro un soldato russo a Kiev per un crimine di guerra.

Di seguito un aggiornamento della situazione sulla base delle informazioni dei giornalisti dell’AFP sul sito, delle dichiarazioni ufficiali ucraine e russe, delle fonti occidentali, degli analisti e delle organizzazioni internazionali.

l’Est

Il ministro della Difesa ucraino Oleksiy Reznikov ha dichiarato martedì che la guerra sta entrando in una “fase prolungata”. In prima linea nella regione di Donetsk, sette persone sono state uccise e sei ferite, secondo le modalità.

E nella vicina regione di Lugansk, quattro persone sono state uccise mercoledì, ha detto il suo governatore Sergio Gaidai, osservando anche che due corpi sono stati scoperti nel villaggio di Previlia.

Ha aggiunto che le forze russe stanno cercando di sfondare vicino a Popasna e verso Severodonetsk, una delle principali città dell’area controllata dall’Ucraina, denunciando “l’intensificazione dei bombardamenti sulla popolazione civile”.

READ  In Italia è fallito il referendum sull'abolizione della pesca!

Il ministero della Difesa ucraino ha avvertito che le forze russe stanno lanciando “attacchi lungo la linea di contatto”.

L’American Institute for the Studies of War (ISW) ha riferito di un’intensificazione del fuoco di artiglieria contro le strutture di confine ucraine nelle regioni di Chernihiv e Sumy nelle ultime settimane, inclusi 70 attacchi solo martedì.

L’istituto evoca un’avanzata limitata delle truppe russe nel Donbass e la preparazione di una grande battaglia per Severodonetsk. Le forze russe potrebbero “raddoppiare i loro sforzi” per questa battaglia, “in parte per contrastare le critiche emergenti” in Russia per gli errori commessi durante l’operazione in Ucraina.

il Sud

Il ministero della Difesa russo ha dichiarato mercoledì che 959 combattenti (ucraini), di cui 80 feriti, sono stati imprigionati nel sito dell’Azovstal a Mariupol per due giorni, secondo informazioni che Kiev non ha commentato questo pomeriggio.

Lo stato maggiore ucraino ha dichiarato che l’esercito russo sta concentrando i suoi sforzi “sul respingere le nostre unità vicino ad Azovstal” con bombardamenti di artiglieria e attacchi aerei.

Nella regione di Odessa, un altro missile è stato lanciato dalle acque del Mar Nero. (…) Secondo le informazioni preliminari, non ci sono state distruzioni significative e vittime “, secondo una dichiarazione di un funzionario del distretto meridionale ripubblicata sui media ucraini.

giustizia

Mercoledì, la giustizia ucraina ha iniziato il suo primo processo con l’accusa di crimini di guerra da quando le forze russe sono entrate nel suo territorio, ovvero il processo a carico di un soldato russo accusato di aver ucciso un civile disarmato.

Il processo, che molti altri dovrebbero seguire presto, sarà una prova del sistema giudiziario ucraino, in un momento in cui anche le istituzioni internazionali stanno conducendo le proprie indagini sugli abusi delle forze russe.

READ  Goldman Sachs says Snapchat will rise 45% thanks to product-driven revenue growth

Il Cremlino afferma di non avere informazioni sulla procedura.

Le trattative sono interrotte

Il Cremlino ha accusato l’Ucraina di rifiutarsi di negoziare. “I negoziati non stanno andando avanti e vediamo una completa mancanza di volontà da parte dei negoziatori ucraini di continuare questo processo”, ha detto ai giornalisti il ​​portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

Il giorno prima, Kiev ha incolpato i russi per la sospensione dei colloqui.

Vendetta

La Russia ha annunciato mercoledì l’espulsione di 34 diplomatici francesi, in risposta all’espulsione di 41 russi da parte della Francia ad aprile. Parigi ha denunciato questa decisione. Stessa sorte per ventiquattro diplomatici italiani e 27 spagnoli.

Nato

La Svezia e la Finlandia hanno presentato mercoledì le loro domande di adesione alla NATO, come risultato diretto dell’invasione dell’Ucraina.

La Turchia si oppone alla loro integrazione e potrebbe ostacolare il processo, ma sono in corso consultazioni per cercare di superare l’opposizione di Ankara. “Speriamo di concludere rapidamente”, ha affermato il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg.

Decine di migliaia di morti

Non esiste una valutazione completa delle vittime civili del conflitto. Nella sola Mariupol, diverse settimane fa, le autorità ucraine hanno denunciato l’uccisione di 20mila persone. Gli investigatori ucraini affermano di aver identificato “più di 8.000 casi” di presunti crimini di guerra.

A livello militare, il ministero della Difesa ucraino stima le perdite russe in 28.300 uomini dall’inizio dell’invasione il 24 febbraio. Questo è noto più di quanto dicono le fonti occidentali. Il Cremlino ha appena ammesso “pesanti perdite”.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che tra 2.500 e 3.000 soldati ucraini sono stati uccisi e circa 10.000 feriti. Non sono disponibili numeri indipendenti e affidabili.

READ  Italia: Formazione di un gruppo parlamentare a sostegno del piano di autonomia per il Sahara marocchino

IDP e rifugiati

L’Ucraina ha visto più di sei milioni di persone fuggire dal suo territorio, di cui più della metà – 3,4 milioni – sono andate in Polonia, secondo l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (HCR) a Ginevra, che tuttavia osserva che il flusso di queste partenze si è prosciugato. Praticamente nel corso delle settimane e anche il contrario.

Tuttavia, secondo le guardie di frontiera, il saldo complessivo rimane in gran parte negativo: 6,3 milioni in partenza contro 1,85 milioni di ritorno.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.