La Giuria del Premio Ecumenico sale sul podio

mentre 74e Inizia oggi l’edizione del Festival di Cannes e i sei membri della giuria ecumenica si preparano a tornare ai loro posti, che lo scorso anno erano sfitti a causa dell’emergenza sanitaria. Questa giuria mista e internazionale è composta da professionisti del cinema e cristiani impegnati. la loro missione? dare un bonus che “Distingue opere con qualità artistiche e umane che ricercano la profondità dell’anima e la complessità del mondo”, Secondo un comunicato ufficiale.

Una giuria riunisce professionisti del cinema e credenti

La giuria di quest’anno è presieduta dallo scrittore, regista e produttore irlandese Douglas P. Vahlison. Impegnato nel dialogo tra la Chiesa e il cinema, nel 2013 è diventato delegato dell’Associazione cattolica internazionale per la comunicazione in Europa (Signis). Sarà presente un altro professionista del cinema, il francese Maxime Pouyanne. Dopo essersi diplomato alla Scuola di Produzione Audiovisiva di Parigi, dal 2016 scrive recensioni cinematografiche per il sito web della Giuria Ecumenica.

→ analisi. Nel 2021 il Festival di Cannes vuole celebrare il ritorno del cinema

Nominati anche due ministri del culto. Peter Ciaccio è pastore delle chiese vodesi e metodiste a Trieste, in Italia, e Ingrid Glatz era un prete riformato ad Arwangen, in Svizzera. Quest’ultimo è anche cofondatore e copresidente dell’Organizzazione internazionale del cinema protestante in Svizzera (Interfilm) e vicepresidente di questa stessa associazione a livello internazionale.

L’accademico spagnolo Mariángeles Almacellas è anche evangelista, dottore in filosofia e scienze dell’educazione, laureato in filologia spagnola, laureato in formazione teologica e critico cinematografico. Membro di numerose giurie ecumeniche e membro dei Signis, è particolarmente interessata all’insegnamento delle virtù attraverso il cinema.

Anne-Clair de Gujac ha finalmente completato questa squadra. Questo ingegnere nel campo della mappatura spaziale è anche un facilitatore di Cin’Azur, un’associazione che organizza dibattiti cinematografici nell’ambito del Servizio di Formazione Permanente dell’Arcidiocesi di Nizza.

READ  Kool & The Gang, "L'Effrontée", Ricchi e Poveri ... icone selfie old school

Promuovere i messaggi spirituali dei lungometraggi

Diversi criteri sono stati elencati dalla giuria ecumenica per determinare quali film sarebbero stati premiati. Se si tiene conto della qualità artistica, instillarla nel messaggio evangelico è ciò che insistono i giurati.

I film sono stati selezionati Espressione Qualità umane positive, sensibilizzando sulle dimensioni spirituali della vita, chiarendo i valori evangelici o sfidando le nostre scelte e le nostre società”, definisce una giuria che premia i film che promuovono specificamente la giustizia sociale, attraverso il rispetto della dignità umana, la solidarietà con le minoranze, il sostegno al processo di pacificazione e la tutela dell’ambiente. Secondo questi criteri, l’ultimo lavoro vincitore del 2019 è stato il film Terence Malik, vita nascosta, che ha commosso la giuria. Per questa nuova edizione, il verdetto sarà emesso il 17 luglio.

Dialogo all’interno della comunità

Oltre al dialogo tra chiese e cinema, sarà onorato il dialogo all’interno della comunità tra cattolici e protestanti. Se questo premio è stato creato nel 1974 dall’Ufficio Cattolico Internazionale del Cinema (OCIC), è stato reinventato nel 2001 attraverso una partnership tra Protestant Interfilm e Catholic Signis. Inoltre, di comune accordo tra queste due associazioni, i membri della giuria vengono nominati ogni anno.

→ Leggi. Cattolici e protestanti, qualche affinità?

Per questa edizione, la giuria ecumenica propone una celebrazione ecumenica il 15 luglio, presso la chiesa Notre-Dame des Experiments a Le Suquet. Sarà presieduto da un sacerdote e celebrato alla presenza di Monsignor André Marceau, Vescovo di Nizza. I film premiati e quelli selezionati possono fungere da trampolino di lancio per il dibattito nei cineclub, ampliando questo desiderio di democratizzare la cultura.

READ  Tutte le informazioni e le foto ufficiali

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *