La Francia conferma il suo ritiro dal trattato sulla Carta dell’energia

Dalle parole ai fatti. Secondo le nostre informazioni, confermate dal Ministero degli Affari Esteri, la Francia ha appena notificato il suo ritiro dal Trattato sulla Carta dell’Energia (TCE), questo accordo internazionale, in vigore dal 1998, che protegge gli investitori dai cambiamenti nella politica energetica dei .. paesi . IlIl presidente Emmanuel Macron ha annunciato il 21 ottobre la sua intenzione di farlo.sostenendo che lo sarebbe “In linea con l’accordo di Parigi”, Ma da allora né l’Eliseo né il governo hanno comunicato in merito. Tale uscita avrà effetto, come previsto nel testo, decorso un anno dalla sua notifica, ovvero il 1Versetto gennaio 2024.

La Francia è il secondo paese tra i 53 firmatari dell’ECT ​​- l’Unione Europea e i suoi Stati membri, oltre a Giappone, Turchia, Ucraina, Georgia e Kazakistan – a prendere una tale decisione. Si unisce all’Italia, che ha lasciato nel 2016. A novembre, altri Stati membri dell’UE, come Germania, Paesi Bassi, Polonia, Slovenia, Lussemburgo e Spagna, hanno segnalato la loro decisione di fare lo stesso. Ora stiamo aspettando che agiscano.

“condizione di permanenza”

Il TCE, reinventato dopo il crollo dell’Impero sovietico e la Guerra del Golfo, mira a garantire l’approvvigionamento energetico dell’antico continente. Gli investitori in questo settore possono chiedere, davanti a un tribunale arbitrale speciale, un risarcimento da un paese che, riorientando la sua politica, inciderebbe sulla redditività dei loro investimenti. Anche se un Paese decide di recedere, rimane soggetto ai suoi obblighi per vent’anni: questa è la “condizione di soggiorno”. Pertanto, in teoria, la Francia non potrà astenersi prima del 2044.

Leggi anche: Il materiale è riservato ai nostri abbonati Sempre più paesi europei hanno deciso di ritirarsi dal trattato sulla Carta dell’energia
READ  Scopri il fantastico Flavio Briatore a Monte Carlo

Oggi costituisce un freno alle ambizioni dei Paesi che vogliono combattere il riscaldamento globale e non corrisponde al tasso di decarbonizzazione dell’economia richiesto dall’Accordo di Parigi, come stabilito in Francia dal Consiglio supremo del clima a ottobre. 19. I sostenitori del TCE sostengono che esso riguardi anche il settore delle energie rinnovabili. I suoi critici ribattono che il suo risultato principale è un cambiamento nella sovranità dei firmatari dell’accordo sull’energia elettrica in termini di politica energetica.

Se i paesi più grandi accettano di uscire insieme dal trattato ECT e di liberarsi dai rispettivi obblighi, il trattato sarà ridotto al minimo.

È in questo contesto che la Commissione, che sta negoziando a nome dei 27 paesi, si è battuta per la modernizzazione del trattato piuttosto che per un’uscita coordinata, e ha approvato in linea di principio, il 24 giugno, un progetto di riforma che aveva negoziato a lungo con altri paesi coinvolti nell’ECT. Nel processo, i firmatari del testo avrebbero dovuto votare formalmente il 22 novembre, un voto che richiedeva l’unanimità. Ma i ventisette stati erano divisi, e diversi – Francia, Spagna, Olanda e Germania – disprezzavano il potere esecutivo della società, rifiutandosi di dargli la necessaria autorizzazione. All’ultimo minuto, il voto viene rinviato e una nuova riunione è prevista entro aprile 2023.

Il 20,53% di questo articolo è lasciato a te da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.