La Francia annuncia il ritorno allo status “normale” dei visti rilasciati agli algerini

PARIGI: diverse migliaia di persone hanno manifestato domenica a Parigi per chiedere i diritti degli immigrati clandestini e per esprimere la loro opposizione al futuro disegno di legge sull’immigrazione del ministro Gerald Darmanin, ha riferito un giornalista dell’AFP.

Dietro uno striscione con la scritta “Ovunque veniamo, ovunque siamo nati, il nostro paese si chiama Solidarietà”, i manifestanti, inclusi immigrati irregolari e attivisti, hanno risposto all’appello di diversi gruppi di immigrati irregolari, società di aiuto o sindacati (CGT e Solidaires), marciarono tra la Porte de la Chapelle e Place de la République, dove arrivarono all’inizio del pomeriggio.

Diciamo (Gerald) Darmanin (Ministro dell’Interno) che non siamo criminali. Siamo lavoratori”, ha dichiarato uno degli attivisti alla manifestazione organizzata in occasione della Giornata Internazionale dei Migranti, il 18 dicembre di ogni anno.

“Abbiamo bisogno di un insediamento permanente e su larga scala per gli immigrati clandestini”, ha detto all’AFP Isabelle Engalbert, presidente di Cimade Ile-de-France. Tuttavia, il ddl Darmanin prevede “una minima regolamentazione, solo nei settori che si dice + in tensione + – tra i quali non c’è nemmeno la ristorazione!” , Lei disse.

Il testo, che dovrà essere presentato all’inizio del 2023, prevede la creazione di un permesso di soggiorno per i lavoratori non iscritti ai “deficit job”, che mancano di manodopera.

“Voglio i documenti”, ha detto Cynthia, una nigeriana che lavora come cameriera in Francia dal 2011. A pochi metri di distanza, Oumou, originaria della Costa d’Avorio dal 2012, ha dichiarato di aver ricevuto i documenti nel 2020. Ha deplorato la “difficoltà di rinnovarli”.

“Il lavoro nero è spesso in famiglia con bambini in età scolare. Non avendo i documenti, si trovano spesso in una situazione di semischiavitù o di sfruttamento nell’attività professionale. Tuttavia, questa parte non è trattata dal disegno di legge, che si limita a rispondere agli obiettivi di sicurezza ha detto la signora Engalbert.

READ  Iliad, la casa madre di Free, conferma il suo buon slancio

Il permesso di soggiorno per “lavori stressanti” previsto dal governo sarà un permesso annuale rinnovabile, se il lavoro è “ancora in tensione”.

Un cartello diceva: “Lavoriamo qui, viviamo qui e restiamo qui”. Un certo numero di manifestanti ha cantato: “Senza documenti, non siamo pericolosi” e “L’alloggio è per tutti”.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.