La forza di volontà stimola bene l’apprendimento e la memoria

Di base

  • L’apprendimento attivo, cioè fatto attraverso il lavoro di volontariato, è più efficace e aumenta la mobilizzazione della memoria.
  • Questo apprendimento attivo nell’ippocampo del cervello genera il codice della fase theta che promuove la fissazione e il recupero delle informazioni.
  • Non solo questa scoperta ha implicazioni educative, ma può anche aiutare a migliorare i ricordi persi o cancellare i ricordi traumatici.

Compresi maggiori investimenti e condivisione delle conoscenze, l’apprendimento attivo avviene attraverso il lavoro volontario della persona che desidera apprendere. Ciò significa che c’è un’alterazione dell’attenzione, della stimolazione e del controllo cognitivo che rende il processo più efficiente. Pertanto, l’apprendimento attivo è più efficiente, perché la memoria è benefica. Tuttavia, finora, i processi fisiologici Implica un processo di apprendimento attivo Non chiaro.

Un nuovo studio condotto da un gruppo internazionale di ricercatori e Pubblicato sulla rivista PNAS (Atti della National Academy of Sciences) Fa luce per la prima volta su questo meccanismo cognitivo negli esseri umani. Secondo i loro autori, la chiave sta nelle oscillazioni Onde theta generate dall’ippocampo Dal cervello umano, mentre il cervello è quello che controlla il processo di apprendimento.

Come la libertà individuale accresce la memoria

Per arrivare a questa conclusione, i ricercatori hanno reclutato pazienti con epilessia e hanno chiesto loro di partecipare a un gioco di realtà virtuale. Stavano percorrendo un percorso quadrato e dovevano ricordare immagini di oggetti esposti in vari punti del percorso. La mobilità può essere attiva, cioè i partecipanti controllano liberamente i propri movimenti, o passiva, se un altro soggetto pianifica il corso e, di conseguenza, decide l’ordine di esposizione al colpo. Immagini. In questo secondo metodo, le persone non avevano alcun controllo sul modo in cui gli oggetti dispersi venivano salvati nell’ambiente virtuale.

READ  L'incredibile senso della direzione delle formiche del deserto

I ricercatori hanno misurato l’attività elettrica dell’ippocampo e hanno testato il riconoscimento degli oggetti alla fine dell’esperimento. In questo modo sono stati in grado di verificare l’importanza dell’apprendimento attivo in ciascuno dei partecipanti. Poi hanno notato che nelle persone con mobilità attiva, “È stato identificato un aumento delle oscillazioni theta, rendendo l’apprendimento e la memoria successivi più efficienti”.. Definiscono anche due fenomeni consecutivi, separati in millisecondi: “Uno corrisponde alla codifica delle informazioni e l’altro al recupero delle informazioni memorizzate in precedenza: Riattiva la memoria”Il dottor Daniel Pacheco, primo autore dello studio, dettagli.

Infatti, le persone che potevano navigare liberamente nell’ambiente virtuale hanno preferito il codice di fase theta che favorisce la stabilizzazione e il recupero delle informazioni.

Sono possibili molteplici applicazioni pratiche

Per i ricercatori, le applicazioni pratiche di questa scoperta sono molteplici Sottolinea sperimentalmente che elementi come la motivazione, il controllo cognitivo e la capacità di prendere decisioni da solo sono essenziali per un apprendimento efficace. Oltre ad essere applicato nell’educazione per migliorare l’apprendimento efficace, può consentire, manipolando l’oscillazione theta, Modificare i ricordi traumatici o migliorare i ricordi persi a causa di perdita di memoria o malattie neurodegenerative.




You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *