La fine dell’espansione dell’universo arriverà presto

Nel 1998, gli scienziati hanno scoperto, attraverso due studi paralleli, che SN Ia. tipo supernovae Si stavano allontanando l’uno dall’altro sempre più velocemente. questi Supernovaproblemi Sistemi binari contenenti una nana biancasono punti di riferimento in cosmologiachiamato anche Candele standardperchè loro sono luminosità Rimane stabile nel tempo. Tuttavia, quando i ricercatori hanno valutato la loro distanza in funzione del tempo, hanno notato che aumentava ancora più rapidamente in funzione del tempo! Sapevamo già all’epoca che un fileessendo Era in espansione, ma un modello la grande esplosione Si presume che questa espansione rallenti: le osservazioni hanno mostrato il contrario.

L’energia oscura di origine sconosciuta occupa più del 70% del nostro universo

L’unica spiegazione che è stata trovata per questo fenomeno riguarda la presenza di a la pressione Negativo causato da una sostanza sconosciuta. il nome della cosa energia oscura Da allora i calcoli hanno dimostrato che riempie più del 70% del contenuto energetico del nostro universo, senza che siamo in grado di riconoscerlo.Non può essere rilevato nonostante molti tentativi, eppure molte teorie hanno cercato di modellarlo.Il modello più utilizzato oggi è Modello cosmico standardche assume un’accelerazione costante e dipende da costante cosmologica Λ, che rappresenta l’energia del vuoto. In questo caso, la ruota è ferma, quindi l’espansione continuerà indefinitamente. Ma diamo un’occhiata a un altro modello, meno noto: presuppone la presenza di energia oscura dinamica, cioè mutevole nel tempo.

Più precisamente, l’energia oscura sarà come la materia definita da un campo standard chiamato essenza. Ogni punto nello spazio è correlato al valore di questo nucleo V (Φ), che dipende dalla densità di energia e Tema che lo circonda. Quindi cambia nel tempo, opponendosi così alla teoria che collega l’energia oscura costante cosmica. Ah lunghezza d’onda Sarebbe la dimensione dell’universo, dandogli un’energia cinetica quasi zero. Perché la pressione associata al nucleo dipende dal rapporto tra energia cinetica e energia potenzialequesto è negativo, e quindi coerente con l’energia repulsiva.

READ  Fnac Darty: le migliori offerte imperdibili di questa domenica

L’accelerazione diventerà una decelerazione in pochi milioni di anni

Secondo questo modello, la sostanza può reagire con la materia ordinaria quando è in grandi quantità, come ad esempio a sistema stellareo una galassia più grande. Così, all’inizio dell’universo, quando era ancora compresso, la sostanza e la materia stavano interagendo vigorosamente, creando una specie di boom di accelerazione. poi per conto di stelle Allontanandosi, la densità della sostanza diminuisce fino a diventare semicostante, interagendo così anche con la sostanza.

In uno studio pubblicato sulla rivista Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze, un gruppo di cosmologi ha esplorato l’idea di sostanza. Il loro modello prevede molti cambiamenti nell’espansione dell’universo: prima, la sua accelerazione rallenterà e presto si fermerà, e poi invece di espandersi l’universo si ridurrà a poco a poco. I loro calcoli postulano un graduale aumento dell’energia cinetica e una parallela diminuzione dell’energia potenziale: da qui l’evoluzione verso una pressione positiva che tende a contrarsi piuttosto che ad espandere l’universo: Quando la densità di energia potenziale positiva diminuisce e la densità di energia cinetica supera quella, l’attuale fase di espansione accelerata terminerà e passerà dolcemente in un periodo di espansione decelerata. Quindi, poiché il campo scalare continua a ridurre il potenziale, la densità di energia potenziale diventerà sufficientemente negativa per la densità di energia totale, quindi un parametro Hubble H

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.