La filariasi è tornata a Wallis e Futuna

La filariasi è tornata a Wallis e Futuna

Tutti pensavano che fosse stata sconfitta. Nel 2018, l'Organizzazione Mondiale della Sanità l'ha addirittura rimossa ufficialmente dall'elenco dei problemi di salute pubblica della regione. Ma la filariosi continua a diffondersi silenziosamente, trasmettendosi da una vittima all'altra attraverso le zanzare. Solo nel 2023 ha deciso di andare avanti pubblicamente.

Non c'è tempo da perdere, il nemico sta guadagnando terreno. Ciò è dovuto alla scoperta di due nuovi casi nel 2023 L'azienda sanitaria istituisce una sorveglianza seguita da un esame. Risultato: 2 casi a Wallis e 10 a Futuna. La Fondazione ha quindi deciso di avviare un'indagine su larga scala, iniziando da tutte le scuole di Futuna, primo fra tutti il ​​Tawa Village. Obiettivo: misurare la diffusione della malattia, cioè il rapporto tra i casi rilevati e l'intera popolazione.

È previsto il ritorno di Nutzen?

Magari non con lo stesso nome, ma viene considerata la molecola che lo compone. La molecola è stata distribuita per molto tempo a Wallis e Futuna, perché nel periodo dal 1978 al 2001 le autorità locali hanno condotto una campagna di trattamento di massa della popolazione. Nel 2001 il Territorio ha aderito al programma PacELF (Pacific Elimination of Lymphatic Filariasis). Il parassita viene indebolito e la distribuzione massiccia e regolare del trattamento tra la popolazione locale riduce significativamente la diffusione della malattia. Ma il parassita non si arrende. L’agenzia sanitaria si prepara al contrattacco lanciando un’operazione di screening.

© Wallis

© Wallis

READ  Montreal | È iniziata la vaccinazione di massa

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *