La discriminazione non è tutta la storia

Quando diciamo che un gruppo è sottorappresentato in questo o quel settore della società, ci sono sempre persone che dicono che è a causa della discriminazione.

So che la sociologia è una cosiddetta scienza “morbida”, ma questo non ci permette di dire nulla in nessun momento. Abbiamo bisogno di prove e studi seri prima di fare una simile affermazione.

Sì, la discriminazione è un fattore che può spiegare perché c’è un gruppo inferiore in determinati settori.

Ma lei non è l’unica.

Ce ne sono molti altri.

Mafia tra voi?

Non ti insegnerò nulla dicendo che ci sono molti gay tra artisti e antiquari.

Questo significa che i responsabili delle decisioni culturali – oi proprietari di negozi di antiquariato – preferiscono i candidati gay quando arriva il momento di assegnare ruoli o assumere un venditore?

Esiste, come alcuni sostengono, una “mafia rosa” in certi ambienti?

no.

Ci sono molti altri fattori che possono spiegare questa situazione.

La comunità degli artisti è più inclusiva, gli omosessuali sono più aperti, gli omosessuali sono spesso più colti dell’orso medio, più sensibili alla bellezza, ecc.

Allo stesso modo, ci sono pochi asiatici tra i rappresentanti.

Ancora una volta, questo è dovuto alla discriminazione?

Forse no.

Forse perché i genitori asiatici apprezzano di più la scienza e la matematica…

Troppi irlandesi nella polizia?

Ci sono più neri che bianchi nel piccolo mondo del jazz.

E i bianchi più dei neri nella musica classica.

così. Non è una questione di discriminazione. È una questione di affinità culturale.

Allo stesso modo, ci sono molti ebrei tra i commercianti di diamanti. Molti italiani in edilizia. Molti greci nell’area del ristorante. Molti haitiani sono ricoverati in ospedale. Molti irlandesi nella polizia.

READ  Quindici anni fa, Philip Gilbert ha domato l'Heat Falk e ha vinto il suo primo campionato classico

ecc, ecc

Non è perché le persone di questi gruppi siano favorite nel processo di assunzione, o perché le persone di altri gruppi siano messe da parte.

È una questione di tradizioni e di determinanti culturali.

La gente del Medio Oriente è brava nel commercio.

Ci sono molti intellettuali ebrei, perché la cultura ebraica incoraggia l’interpretazione e l’analisi dei testi e così via.

Non sto dicendo che la discriminazione non esiste.

Ma è sbagliato dire che se un gruppo è sottorappresentato, è necessariamente vittima di discriminazione. E se qualcun altro è sovrarappresentato, è perché beneficia di un privilegio storico…

Il numero di irlandesi nella polizia dovrebbe essere limitato con il pretesto che ce ne sono troppi?

Imporre quote eterosessuali ai parrucchieri?

E il numero di persone di sinistra nei media?

Dovrebbero essere imposte quote ideologiche?

Pulizia

Cosa poi?

Applicheremo il sistema delle quote nelle squadre sportive? Ci sono troppi bianchi nella squadra canadese di pattinaggio libero, buttami fuori a 10 punti! – Per sostituirli con persone etniche?

Escluderemo gli ebrei che desiderano studiare legge o finanza per il fatto che sono già sovrarappresentati?

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.