La conoscenza in tutte le sue forme

La conoscenza in tutte le sue forme

Come vedono il mondo gli scienziati e come sono in grado di rappresentarselo da soli? Quale forma di immaginazione prendono in prestito? Di quale forma di fantasia parlare?

Il ruolo dei sogni e dell’immaginazione

Etienne Klein :”Se pensiamo solo con la logica, entriamo in una specie di circolo vizioso. E per avere idee, devi prendere l’ombra. Quindi, per un fisico, specialmente per i grandi creatori della fisica moderna come Galileo e pochi altri, consiste nel fare quelli che vengono chiamati esperimenti mentali o esperimenti mentali, cioè porre domande come cosa accadrebbe se … (.. .)Tendiamo a considerare la scienza come una fredda bestia capace di espellere l’immaginazione, presentata come malizia che turba la mente e macchia le migliori intenzioni. Tuttavia, la realtà è completamente diversa. L’immaginazione è una specie di fuoco che viene ad aprire nuove strade.

A Etienne Guess, “Ci sono infatti due mondi. C’è il mondo concreto e il mondo astratto in cui spesso opera il matematico. E questa interazione tra questi due mondi ha una grande ricchezza. (…) Prendiamo ad esempio un pallone da calcio o un uovo , come preferisci. Osservando la Natura, che sia un uovo o un pallone da calcio, possiamo fare domande e poi alimentare il puro pensiero matematico.”

“Bandiera del cancello”

Etienne Klein Esamina l’influenza del filosofo Michel Serres sul suo lavoro e il suo concetto di “scienza ponte”:È un’espressione che dobbiamo a Michel Serres, che praticava la scienza ponte tra le cosiddette scienze dure e le discipline umanistiche, con l’idea che le scoperte degli scienziati in determinate situazioni dovrebbero modificare filosoficamente il modo in cui pensiamo a determinate questioni. (…]Devi specializzarti per essere qualificato. Poi ci sono confini che sono completamente artificiali e puoi attraversarli senza nemmeno accorgerti che ci sono punti doganali all’interfaccia tra due regioni, per esempio. E mi sembra che quando sei un fisico o quando sei un matematico, segui il tuo pensiero che a volte va oltre la tua specializzazione senza rendertene veramente conto.”

READ  Science in the Chernobyl Series: The Disconnect between Right and Falsehood

Etienne Jess Aggiungere: “Vorremmo che questi portali fossero presenti nell’istruzione nazionale. Ad esempio, prima Etienne parlava del tempo dei filosofi e del tempo degli scienziati. Perché non ne parliamo al corso di filosofia dell’ultimo anno? Le lezioni finali di filosofia hanno una parte chiamata tempo e parlano di filosofi ma non di Einstein…”.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *