La Commissione Europea sta indagando sul settore del lusso

La Commissione Europea sta indagando sul settore del lusso

Questa condizione può fare rumore nel piccolo mondo accogliente del segmento del lusso. Martedì 19 aprile, l’agenzia di informazioni economiche e finanziarie Reuters ha rivelato che gli ispettori della Commissione europea sono sbarcati in un negozio di pelletteria appartenente a Gucci, una filiale del gruppo francese Kering, a Milano, nel nord Italia.

Leggi anche: Un’indagine aperta su potenziali affari nel settore dei profumi

Questa non è l’unica collezione di lusso coinvolta. Nell’ambito di un’indagine preliminare, Bruxelles ha confermato martedì 19 di aver effettuato perquisizioni senza preavviso nei locali di diverse aziende del settore moda, sospettate di cartello. in diversi Stati membri dell’Unione Europea [UE] ». In un comunicato stampa, il comitato ha spiegato lo scopo delle sue operazioni. “aziende preoccupate” La possibilità che “Violazione delle norme Ue che vietano cartelli e pratiche commerciali restrittive”. Secondo Reuters, anche gli ispettori fiscali italiani hanno partecipato a queste ispezioni di Gucci.

Il gruppo sta collaborando pienamente con la commissione in questa indagine.si è limitata a confermare Kering, attraverso un comunicato, martedì, poche ore dopo, senza specificare l’ubicazione di Gucci o i siti coinvolti, né se gli altri marchi italiani o francesi di sua proprietà siano oggetto di queste indagini.

Passaggio difficile

Il brand italiano ha molto peso nei conti del gruppo Kering guidato da François-Henri Pinault: il suo fatturato rappresenta oltre la metà dei 20 miliardi di euro del suo fatturato nel 2022. Ha attraversato un periodo difficile dalla sua partenza Il direttore artistico Alessandro Michele annuncia la fine del 2022 ed è effettivo dall’inizio del 2023. .

Guidato da Marco Pizzarri dal gennaio 2015, il brand è già stato oggetto di una lunghissima indagine per un contenzioso per evasione fiscale, durante il trasferimento di tutti i beni Gucci in una consociata, in Svizzera, tra il 2011 e il 2017. Per dirimere tale contenzioso, Kering nel 2019 ha versato al fisco italiano 1,25 miliardi di euro.

READ  Giorgia Meloni sottolinea questo punto ritenendo “obsoleto” il meccanismo di salvataggio dell’Eurozona.

A marzo, la Commissione europea ha rivelato di aver effettuato ispezioni nei locali dei quattro maggiori produttori di aromi e fragranze per pratiche anticoncorrenziali. Gli svizzeri Firmenich, Givaudan, la tedesca Symrise e l’americana IFF sono preoccupati.

Leggi anche: Il materiale è riservato ai nostri abbonati Sanzionato da Gucci e Balenciaga, Kering scommette su un rimbalzo nel 2023

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *