La Banca centrale europea raccomanda alle banche di mantenere il proprio patrimonio netto

Inserito il 9 novembre 2022, 15:26

Di Francesco Canepa e Valentina Za

FRANCOFORTE (Reuters) – La vigilanza bancaria della Banca centrale europea ha invitato le banche della zona euro a preservare il capitale in un contesto economico in peggioramento, affermano diverse fonti che hanno familiarità con la questione.

Banche come UniCredit e Société Générale hanno registrato utili trimestrali eccezionali, grazie al rapido aumento dei tassi di interesse e delle attività di negoziazione, e all’annuncio di dividendi in contanti agli azionisti.

Ma con lo spettro di una recessione nella zona euro e le autorità di vigilanza che esortano alla cautela, le banche potrebbero trovare più difficile ricompensare generosamente i propri azionisti il ​​prossimo anno, quando le riserve di capitale potrebbero essere inferiori al previsto, hanno affermato tre fonti.

La Banca centrale europea ritiene che alcune banche facciano affidamento su scenari economici eccessivamente ottimistici, basati su modelli che non riescono a cogliere appieno i danni causati da un’inflazione record, affermano le fonti.

Un portavoce della Banca centrale europea ha rifiutato di commentare.

Secondo Morgan Stanley, le banche della zona euro dovrebbero pagare 40 miliardi di euro di dividendi nel 2022, oltre a oltre 60 miliardi spesi per riacquistare azioni proprie tra quest’anno e il 2023, un enorme ritorno rispetto alle recenti tendenze.

Ma le prospettive per le distribuzioni stanno già iniziando a peggiorare.

La banca italiana Intesa Sanpaolo ha rinviato all’inizio del prossimo anno almeno la metà del programma di riacquisto di azioni proprie da 3,4 miliardi di euro approvato dalla Banca Centrale Europea a giugno, preferendo aspettare e vedere l’entità della recessione economica italiana.

“Non è una buona idea iniettare capitale in una recessione”, ha detto la scorsa settimana il CEO Carlo Messina.

READ  "Stiamo valutando la squalifica dei giocatori russi a Roma"

La banca centrale svedese ha raccomandato mercoledì che le banche del paese siano “limitate per quanto riguarda il pagamento di ingenti dividendi e riacquisti di azioni”.

Una delle fonti ha affermato che la Banca centrale europea ha dato il via libera a tutte le acquisizioni soggette alla sua approvazione quest’anno, comprese quelle di UniCredit, Société Générale e ING, e gli azionisti hanno accolto le decisioni con sollievo dopo le restrizioni imposte al culmine del Pandemia di covid19.

Ma alcuni banchieri ritengono che il processo di convalida della BCE sia troppo macchinoso, affermano fonti del settore, aumentando la loro frustrazione per la decisione della BCE di sospendere i prestiti sovvenzionati e per ciò che vedono come un’interferenza nelle decisioni operative.

Andrea Enria, capo della vigilanza bancaria presso la banca centrale, martedì ha invitato le banche a tenere conto dei rischi di recessione nella pianificazione delle distribuzioni future.

“C’è una preoccupante dissonanza tra le prospettive positive e il mix unico di rischi che dobbiamo affrontare attualmente”, ha affermato in un seminario sul settore bancario in Germania.

A proprio agio con riserve di capitale molto più grandi rispetto all’epoca della crisi finanziaria e un previsto aumento del reddito grazie a tassi di interesse più elevati, molte banche stanno resistendo.

Dopo aver fissato un bonus fisso per gli azionisti nell’ambito di un piano fino al 2024, nonostante la preferenza della BCE per un payout ratio, il presidente di UniCredit Andrea Orsel si è impegnato a raggiungere lo stesso obiettivo di distribuzione di quest’anno, ovvero 3,75 miliardi di euro.

James von Moltke, chief financial officer di Deutsche Bank, ha affermato mercoledì che la Banca centrale europea e altre istituzioni dovrebbero invece “sostenere le banche per aiutare l’economia”.

READ  L'Italia non vuole la guerra ma il suo esercito è pronto

Ma alcuni analisti ritengono che la realtà economica, a prescindere dalle pressioni delle autorità, potrebbe far cambiare idea ai banchieri.

“Con l’entrata in recessione dell’economia, i giorni dei massicci pagamenti bancari sono finiti”, ha affermato Marco Troiano, amministratore delegato di Scope Ratings.

(versione francese Laetitia Volga, a cura di Jean-Stefan Bruce)

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.