Kool & The Gang, “L’Effrontée”, Ricchi e Poveri … icone selfie old school

Colloquio

Prima di brillare Ferite mortali E il Stordito e tremoriFilm, che ha vinto il César Award come migliore attrice nel 2004, Sylvie Tstudd è cresciuta in una famiglia Leone con musica. a IconeCon Michel Deniso, l’attrice, che ha appena festeggiato il suo 50esimo compleanno, condivide sabato i suoi gusti eclettici in Microphone Europe 1, da Betty Lafitte a Doran Duran. Via Ricchi e Poveri, la colonna sonora di tutti i viaggi in macchina da adolescente.

L’Effrontée, una grande rivelazione

Prima lì Questa è la “grande rivelazione” che il film le ha rappresentato Per FrontiDi Claude Millier (1985). “Avevo 12 anni quando ho visto questo film”, ricorda. “Mi sentivo maleducato, sentivo che non ero il più divertente, il più misterioso, il più bello. Avevo quella maledetta camicia da marinaio che indossavi sul poster, che trovavo sporca e che mia madre mi avrebbe riportato appena Mi sono seccata. Mi sono detta: c’è qualcuno che fa un film su di lei? Non è nemmeno divertente, quello che dici è fastidioso, infastidisce tutto il tempo, come me. Sapevo che stavo diventando un amante del cinema. Charlotte Ginsburg. “

Kool & The Gang, questo mi sta facendo impazzire

Per quanto il personaggio di Charlotte Ginsburg fosse interpretato, è stata la musica del film a contraddistinguere Selfie Tustod. Con, come titolo, Sarà perché ti amo Dagli italiani Ricchi e Poveri. “Vengo da una famiglia di origine italiana. L’abbiamo solo sentito e mia madre, che è nata in Italia, conosceva le parole a memoria, come me. Non avevamo leadership senza sentire Sarà perché ti amo. Parlo molto male l’italiano, ma d’altra parte conosco molto bene le canzoni e quando canto a malapena parlo un accento “.

READ  Lori Loughlin is released from prison after a two-month prison sentence for college admission fraud

Stevie Wonder e France Gal

Per trovare altri simboli musicali dell’attrice bisogna attraversare l’Atlantico, senza necessariamente cambiare epoca. Lì incontriamo per esempio Stevie Wonder, Betty LaVette o Candi Staton. “Sono stato molto attratto da ogni Motown, tutta soul, funk … Cole e la gang, mi fanno impazzire. Sono icone potenti per me. Ho sempre voluto sapere come ballare al loro ritmo.”

Anche la varietà francese non è assente dalle sue varie ispirazioni. “Vado matta per Daniel Palafoine, dalla Francia Gal, Michel Berger e Alan Bachung”, ha detto. E con i suoi figli, che amano PNL e Ava Max, Sylvie si ritrova nella band Duran Duran, una band che la fece “ballare come una paziente” negli anni ’80, un decennio di riferimento per l’attrice.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *