Kiev teme “migliaia di vittime civili” a Mariupol e vuole imporre un embargo sul petrolio russo – rts.ch

Giovedì, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha invitato i politici occidentali a raggiungere rapidamente un accordo su un embargo sul petrolio russo, sostenendo che il loro mancato accordo metterebbe in pericolo la vita degli ucraini.

In un video discorso, Volodymyr Zelensky ha anche affermato che avrebbe continuato a insistere affinché le banche russe fossero completamente bandite dal sistema finanziario internazionale. Ha detto che Mosca guadagna così tanto dalle esportazioni di petrolio che non ha bisogno di prendere sul serio i colloqui di pace e ha invitato il “mondo democratico” a non rivolgersi al greggio russo.

Mercoledì, gli Stati Uniti hanno annunciato una nuova serie di sanzioni contro la Russia, rivolte in particolare alle banche e alle élite del Paese. Volodymyr Zelensky ha ritenuto che queste pubblicità fossero straordinarie ma non sufficienti.

Paura di migliaia di morti a Mariupol

“Penso che uno dei motivi principali per cui non possiamo ottenere aiuti umanitari a Mariupol sia che fino a quando tutto non sarà ripulito dai soldati russi, hanno paura che il mondo veda cosa sta succedendo lì”, ha affermato Volodymyr Zelensky, precedentemente annunciato in un’intervista al canale televisivo turco Haber Turk. , pubblicata dalla presidenza su Internet.

Ha aggiunto che queste “non sono decine, ma migliaia di morti e migliaia di feriti”. “Sappiamo il numero di soldati (ucraini) uccisi lì e il numero di feriti, ma non conosciamo il numero di civili”, ha aggiunto.

Soldati filo-russi evacuano un corpo a Mariupol. [Alexandre Ermochenko – Reuters]

Aprire la porta per ulteriori trattative

In risposta a una domanda sulla possibilità di continuare i colloqui con la Russia, Volodymyr Zelensky ritiene che questi negoziati “dovrebbero comunque aver luogo”.

READ  Bruxelles a favore di una rapida candidatura dell'Ucraina all'adesione all'Unione Europea

“Non vogliamo davvero negoziare con la Russia dopo quello che abbiamo visto, e non proprio, devo dirtelo, perché capiamo con chi abbiamo a che fare”, ha aggiunto.

“Dobbiamo trovare anche la minima possibilità di negoziazione. Penso che sia difficile fermare la guerra altrimenti”, ha osservato.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.