James Webb svela un’enorme clessidra di polvere attorno a una giovane stella

Mercoledì il James Webb Space Telescope ha rivelato nuove immagini abbaglianti di un’enorme nuvola di polvere a forma di clessidra attorno a una stella in formazione.

• Leggi anche: Più grande che mai: testimonia i “pilastri della creazione”, una nuova immagine catturata dal telescopio James Webb

• Leggi anche: Webb e Hubble catturano viste dettagliate dell’impatto dell’asteroide

• Leggi anche: Gli anelli di Nettuno sono stati accuratamente catturati dal telescopio James Webb

Queste nuvole arancioni e blu fino ad allora nascoste erano visibili dallo strumento NIRCam del telescopio, che opera nel vicino infrarosso, una lunghezza d’onda invisibile all’occhio umano.

La giovanissima stella, nota come “protostella L1527” e situata nella costellazione del Toro, è nascosta nell’oscurità dal bordo di un disco rotante di gas nel collo della clessidra.

La NASA e l’Agenzia spaziale europea (ESA) hanno spiegato in una dichiarazione congiunta che la luce di questa protostella “perde” sopra e sotto questo disco, illuminando le cavità nel gas e nella polvere circostanti.

Le nubi sono create dalla collisione del materiale espulso dalla stella con il materiale circostante. La polvere è più fine nelle parti blu e più spessa nelle parti arancioni.

La protostella ha solo 100.000 anni ed è nella fase iniziale della sua formazione. Non è ancora in grado di generare la propria energia.

Il ricercatore ha osservato che il disco nero circostante, delle dimensioni del nostro sistema solare, fornirà materiale alla protostella fino a raggiungere il “minimo necessario per avviare la fusione nucleare”.

“In definitiva, questa visione di L1527 fornisce una finestra sulla forma del nostro primo sistema solare e del sistema solare”, hanno aggiunto le due agenzie.

READ  Nintendo Direct Mini: cosa non perdere

Situata a 430 anni luce dalla Terra, la nube molecolare del Toro ospita centinaia di quasar in formazione.

James Webb, le cui prime immagini a colori sono state rivelate a luglio, sta effettuando le sue osservazioni a 1,5 milioni di chilometri dalla Terra.

Uno degli scopi principali di questo telescopio da 10 miliardi di dollari è studiare il ciclo di vita delle stelle.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.