Italia, va bene – Medias24

Le elezioni legislative dello scorso settembre in Italia hanno conferito al partito politico di estrema destra Fratelli d’Italia, guidato da Georgia Meloni, la principale forza politica del Paese. Per governare, questo partito ha dovuto formare la maggioranza con altri partiti di estrema destra come il movimento cinque stelle Giuseppe Conte, che ha ottenuto il 15% dei voti, la Lega di Matteo Salvini, il 12%, così come Forza D’Italia , per Silvio Berlusconi che ha ottenuto l’8% dei voti.

Il referendum condotto dal partito Georgia Meloni è un fenomeno di spicco di queste elezioni italiane, che si sono svolte nel contesto di una crisi economica interna e di una situazione politica internazionale destabilizzante. Dal 4,3% ottenuto alle ultime elezioni del 2018 a oltre un quarto di oggi, la sfera politica italiana è stata completamente stravolta. Dietro questo cambiamento radicale c’è la sua leader carismatica, Georgia Meloni.

Attivo fin da giovane nel movimento sociale italiano MSIFondata nel 1946 dai seguaci di Bonito Mussolini, Meloni si autoproclama postfascista, erede del nazionalismo italiano a lungo combattuto dai partiti classici di destra e di sinistra. È una donna carismatica, che sa come discutere con la folla e difendere le sue idee. Lo slogan che pubblicizzi spesso lo è La casa della famiglia di Dio.

Di fronte alle avversità, non esita soprattutto a criticare i suoi avversari, spesso in termini piuttosto aspri. Che siano a capo di partiti politici italiani, o di partner europei, nessuno trova favore ai suoi occhi. Se gli immigrati affollano le coste italiane, è per la politica di Bruxelles o per la politica francese che sfrutta spudoratamente i paesi africani, un giorno è stata licenziata davanti a un pubblico che ha polarizzato la sua causa.

Durante tutta la sua campagna elettorale, i suoi temi preferiti sono stati gli stessi sostenuti da altri partiti radicali europei. Stanno girando intorno sicurezza del confine Per proteggere meglio l’Italia dall’immigrazione e dall’islamizzazione dilagante, rinegoziare i trattati con l’Unione Europea fino a quando il Paese non riprenderà il controllo del proprio destino.

READ  Due squadre di calcio europee hanno annullato la loro partnership commerciale con la società di criptovalute Bitci

Come tutti i leader europei di estrema destra, Meloni si è concentrato su questi due temi più promettenti per ottenere il potere. Ora che è a capo dello Stato, ha dovuto scendere a compromessi con gli altri partiti per formare la maggioranza per attuare il suo programma. Questo sistema di voto costringe le coalizioni a ottenere la maggioranza e governare comodamente per il tempo richiesto. Dal 1944 ben sessantasette governi si sono succeduti, facendo dell’Italia il Paese politicamente più stabile d’Europa.

La pratica ha dimostrato che le alleanze in Italia si formano non appena si disintegrano. Raramente resistono davanti alle difficoltà che si presentano e all’impossibilità di portare a termine il mandato. Ricordiamo che nel 2018 l’alleanza dei partiti di estrema destra è durata non più di un anno. Secondo alcuni studi condotti in Italia, le alleanze sono durate in media 384 giorni dalla fine della seconda guerra mondiale.

Dopo lo shock di vent’anni di dittatura fascista, i padri fondatori dell’attuale sistema politico nel 1947 promulgarono una costituzione basata sul principio che un giorno nessuna forza politica avrebbe avuto pieni poteri e avrebbe potuto dominare gli altri. Questa idea, essenzialmente virtuosa, è all’origine dell’instabilità politica in Italia da allora, che la classe politica italiana non è stata in grado di sanare.

Il perfetto sistema a due stanze

Al di là del sistema di voto, dovuto in parte all’origine degli handicap, l’esecutivo, dal canto suo, ha scarso potere nei confronti del legislatore. Questo è diviso in due camere ugualmente influenti, che alcuni politici italiani descrivono come il sistema bicamerale ideale. Questi due organi, che detengono questi beni, hanno il potere di ribaltare qualsiasi governo esistente. Nella maggior parte delle altre democrazie, questo diritto è concesso solo alla Camera dei rappresentanti.

Oltre a queste difficoltà insite nel sistema politico, Meloni deve lavorare, come promesso, per migliorare le condizioni di vita degli italiani che l’hanno portata al potere. La terza economia dell’Unione Europea, l’Italia, come i suoi vicini, sta affrontando una difficile situazione economica e una rapida inflazione a causa della crisi energetica e delle conseguenze della guerra russo-ucraina. Questo compito sembra difficile perché, da un lato, dovrà mantenere l’unità della sua alleanza e, dall’altro, creare le condizioni per una crescita reale in tempi di crisi.

READ  The Simple app-based banking service has closed

La composizione del suo governo, per il momento, sembra perfettamente equilibrata e rassicurante ai suoi soci, tra le tre forze che compongono la maggioranza.. Giancarlo GiorgettiÈ un membro dell’ala moderata del partito unioneE il Dirige il Ministero dell’Economia. Antonio Tajani L’ex presidente del Parlamento europeo, affiliato a Forza Italia e vicino a Berlusconi, lo è per gli affari esteri. Dentro, Scegli Meloni Matteo Pinti, Un alto funzionario di questo dipartimento ed ex direttore della Roma. per Matteo Salvini Dalla Lega, eredita una sezione Infrastruttura Durante il suo incarico di vice primo ministro nella stessa veste di Tajani.

Correzione immagine Italia

L’entusiasmo e il dinamismo che Meloni ha mostrato in campagna elettorale per vincere il ballottaggio sembra essere stato sostituito dalla cautela. Da quando è stato investito, il tono utilizzato è diventato più conservatore e responsabile. In una delle prime dichiarazioni del suo partito, ha affermato: L’Italia è una parte intera dell’Europa e della Nato, e nessuno che non sia d’accordo con questo caposaldo può far parte del governo.

Questo realismo è stato dimostrato lo stesso giorno in cui è entrato in carica dal suo incontro con il presidente francese Macron il 23 ottobre. Scambi realistici e costruttivi Secondo Macron, amichevole e fruttuosoSecondo Meloni. Quest’ultima sembra seguire il consiglio datole da Marion Draghi di non allontanare mai importanti partner sindacali, a cominciare da Germania e Francia.

Meloni dovrà confrontarsi con altre realtà. L’Italia vincola il suo sistema politico che forza alleanze fragili, ha capacità economiche maggiori della Spagna e lotta per essere una superpotenza in ascolto. Le cause degli anni Novanta, note come Mani pulite, Manny BulletChe ha coinciso con il crollo del blocco orientale, ha indebolito la credibilità della classe politica agli occhi dell’opinione pubblica italiana e danneggiato l’immagine del Paese nel mondo.

READ  Notizie Camerun :: Promozione 2022: Italia e Casa Italia saranno presenti :: Notizie Camerun

Certo, è questa distorsione che ha costretto la classe politica a concentrarsi più sui problemi interni che su un’ambiziosa agenda internazionale. I successivi governi italiani non sono stati in grado di influenzare la politica europea di apertura all’Est a favore del loro ambiente mediterraneo. In generale, Madrid e Parigi sono più strettamente legate alla nostalgia persiana di Roma.

L’intervento francese per rovesciare il regime libico di Gheddafi, all’insaputa dell’Italia, è stato ben accolto, come nei discorsi sul nucleare iraniano dove Berlino gioca un ruolo dominante, mentre Roma brilla in sua assenza. Tuttavia, l’Italia compensa questo fatto facendo parte del Gruppo dei Sette e partecipando a molte missioni di pace nel mondo. Una delle ragioni di questa riduzione è che i partner stranieri hanno difficoltà a identificare i funzionari italiani in visita, che sono certi di essere sostituiti nella prima crisi.

Meloni è salito al potere su un’ondata di nazionalismo che ha mostrato i suoi limiti, perché si concentra poco sulle questioni internazionali in generale, e in particolare sulla grandezza dell’Italia nel mondo. Con l’attuale sistema politico, la politica estera è diventata un’area di ulteriore divisione tra i vari partner italiani, tra chi vuole rafforzare i rapporti con l’Europa, e altri che vedono solo salvezza in una forte politica transatlantica con Washington.

È certamente questa immagine che il governo Meloni dovrebbe sforzarsi di correggere se, ovviamente, rimane al potere. Una maggiore affermazione della sua presenza all’interno dell’Unione Europea, e un rafforzamento del suo ruolo all’interno degli organi della NATO, sono essenziali affinché il Paese integri le sfere di influenza dei rispettivi Paesi. Ma il Mediterraneo ei legami con i Paesi africani sono ormai i punti di forza del potere statale. La riforma dell’attuale ordine mondiale si prepara a questa grande ambizione. Puoi?

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.