Italia: una clinica mobile per i lavoratori migranti in Sicilia

Al volante di un piccolo furgone rosso, un team dell’organizzazione Emergency percorre le strade della Sicilia per offrire supporto medico e psicologico ai migranti nelle fattorie.

È sulle strade della Sicilia meridionale, tra Marina di Acate, Vittoria, Punta Braccetto e Santa Croce di Camerina che ci si può imbattere nella piccola clinica mobile di Emergency.

“Questa zona è davvero degradata, molte delle persone che vengono nella nostra clinica vivono proprio accanto alle serre dove lavorano”, dice Ahmed, project manager della clinica.

Enormi serre coprono la zona costiera, così come vecchi fabbricati agricoli e magazzini dove vivono molti lavoratori. “Alcuni di loro vivono appena sotto teli di plastica, con un accesso molto limitato a bagni e toilette. A volte intere famiglie vivono in questi edifici”, dice Ahmed.

“Non c’è riscaldamento in inverno, e nessun comfort che ci si può aspettare da una casa classica. I lavoratori qui sono per la maggior parte esclusi dai servizi offerti in Italia. Vivono, lavorano, dormono e mangiano nello stesso posto , nei campi. Se abiti vicino alle serre, puoi lavorare più ore e non devi pagare il trasporto da un paese vicino, dove potrebbero esserci più servizi a tua disposizione, al tuo posto di lavoro.”

Una foto delle serre nel Ragusano, conosciute come “Fascia Trasformata” | Foto: Emergenza

Secondo Ahmed e le ultime informazioni in suo possesso, almeno 2.000 lavoratori migranti vivono in tali condizioni in questa parte della Sicilia. “Le condizioni di lavoro sono molto difficili”.

La parola “Emergency” è scritta in bianco sulle fiancate e sul retro del furgone rosso vivo, parcheggiato in un parcheggio a Marina di Acate, dove si è formata una piccola coda di lavoratori migranti.

Leggi anche: “I lavoratori migranti non conoscono i loro diritti”: Julian, sfruttato nelle fattorie in Sicilia

READ  Play-off Mondiali 2022 - Italia: Balotelli non ha alcuna garanzia di essere selezionato

L’équipe raccoglie i bisogni dei pazienti, gli altri vengono curati all’interno della clinica mobile.

Magda lavora lì come mediatrice nel ragusano. Spiega che il team ha il vantaggio di parlare diverse lingue. “Accesso ai servizi sanitari, o anche conoscere i tuoi diritti, può essere molto difficile se non parli italiano”, ricorda.

Personale medico, assistenti sociali e uno psicologo sono lì per soddisfare le esigenze dei pazienti |  Foto: Arafatul Islam / InfoMigrants
Personale medico, assistenti sociali e uno psicologo sono lì per soddisfare le esigenze dei pazienti | Foto: Arafatul Islam / InfoMigrants

Ferite nei campi

La maggior parte dei pazienti ha lesioni dovute al lavoro nei campi. “Possono essere piccole cose, ma peggiorano a causa della mancanza di tempo per curarle e della mancanza di igiene”.

La clinica mobile nasce per evitare che i lavoratori versino ingenti somme alle reti che li sfruttano per accedere alle cure sanitarie ma anche ai servizi sociali.

I mediatori sono lì per aiutare alcuni migranti a rinnovare la loro tessera sanitaria, o per accompagnarli durante la loro visita in ospedale e fornire traduzioni.

“E’ una zona rurale. Nelle serre si coltivano pomodori, melanzane, zucchine. Hanno bisogno di manodopera tutto l’anno, la maggior parte viene dal Nord Africa, principalmente dalla Tunisia e dal Marocco, ma anche dalla Romania. Negli ultimi anni il numero è aumentato anche il numero di lavoratori dall’Albania”, afferma Ahmed.

Ahmed, il project manager della clinica mobile di Emergency nel sud della Sicilia |  Foto: Arafatul Islam / InfoMigrants
Ahmed, il project manager della clinica mobile di Emergency nel sud della Sicilia | Foto: Arafatul Islam / InfoMigrants

Ahmed e il team indossano magliette rosso vivo con la scritta “Non ti denuncerò”, scritta in più lingue, mentre molti pazienti non hanno i documenti necessari per poter vivere e lavorare in Italia.

“Da quando abbiamo iniziato a operare nel 2019, abbiamo aiutato tra gli 800 e i 1.000 migranti. Circa il 40% ha i permessi per lavorare qui, ma la maggioranza non ha i documenti. Alla fine è stato chiesto loro di lasciare l’Italia, ma se l’Italia non ha un accordo di rimpatrio con il loro paese, vengono qui perché è il posto perfetto dove lavorare senza fare domande. luogo ideale per essere sfruttato a causa della tua situazione, dal momento che sei invisibile”, si lamenta Ahmed.

READ  Belgio di fronte alle montagne italiane, la Svizzera vuole permettersi la Spagna

Da (ri)leggere anche: A Palermo una clinica per vittime di tortura

In coda, due giovani tunisini, volendo mantenere l’anonimato, spiegano di “essere venuti qui per lavorare e mandare soldi alle nostre famiglie”. Sostengono di aver preso dei barconi per Lampedusa e che “le cose non vanno troppo male, abbiamo del lavoro da fare e questa è la cosa più importante per noi”.

Uno è arrivato solo due settimane fa in Sicilia, l’altro quasi un anno e mezzo fa. Quest’ultimo racconta di aver trascorso diversi mesi in vari centri di accoglienza in Italia, di essere stato trasferito più volte, dalla Sicilia alla Calabria, poi alla città portuale di Genova, nel nord del Paese, prima di ricevere un avviso di ‘espulsione’. “È stato allora che sono tornato qui per lavorare”, dice l’uomo, che afferma di non aver paura di essere rispedito in Tunisia. “Ho un figlio piccolo in Tunisia, devo continuare a lavorare per lui”.

I lavoratori migranti aspettano fuori dalla clinica mobile in un parcheggio a Marina di Acate, un paesino sul mare |  Foto: Arafatul Islam / InfoMigrants
I lavoratori migranti aspettano fuori dalla clinica mobile in un parcheggio a Marina di Acate, un paesino sul mare | Foto: Arafatul Islam / InfoMigrants

A seconda dell’affluenza, la clinica è generalmente aperta dalle 16:00 alle 21:00, per consentire ai migranti di recarsi lì alla fine della loro giornata lavorativa.

La clinica mobile ha iniziato i suoi giri nel 2019. Nel maggio 2022 l’équipe ha aperto anche una clinica permanente a Vittoria, in collaborazione con l’Azienda sanitaria pubblica di Ragusa, capoluogo dell’omonima provincia.

Ulteriori informazioni sull’organizzazione Emergency

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *