Italia: Mario Draghi affronta lo spettro dello stallo parlamentare

Mercoledì 29 giugno, durante il vertice della Nato a Madrid, i vertici Nato visitano il Museo del Prado, ma il presidente del Consiglio italiano Mario Draghi riceve un invito urgente e si allontana da questo alter ego. Si siede su una panchina, lo smartphone nell’orecchio, mentre sullo sfondo continuano le visite di altri capi di Stato e di governo. La foto che coglie questo momento simboleggia la solitudine dell’ex presidente della Banca Centrale Europea, che si prepara ad affrontare un caldo autunno con la maggioranza spazzata via.

Poco dopo, in serata, Mario Draghi si è recato a Roma, abbandonando la sua agenda internazionale per il giorno successivo, nel tentativo di placare i partiti del suo governo, in particolare Lega e Movimento Cinque Stelle, sempre più inclini a lasciare la maggioranza . . La situazione politica ora costringe Mario Draghi a prestare maggiore attenzione alle dinamiche dei partiti che sostengono il suo governo: senza di essa, guidare una coalizione così eterogenea sarebbe stato impossibile a meno di un anno dalle elezioni legislative, previste per la primavera del 2023 a l’ultimo.

Giovedì l’ex governatore della Banca Centrale ha presieduto il Consiglio dei Ministri per contenere i prezzi dei carburanti, ma soprattutto è stato ricevuto al Quirinale dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, artefice della grande coalizione al potere: di solito vede Draghi Mattarella quando le tensioni all’interno del potere esecutivo rischiano di far deragliare la maggioranza”, analizza anche un consigliere di governo, preoccupato.

Il pericolo è che ora i partiti utilizzino le camere per confrontarsi ideologicamente, colpendo le cause della guerra

Linea rossa. La settimana conclusa ha visto salire la posta in gioco per l’esecutivo: il Movimento Cinque Stelle ha appena subito una grande spaccatura causata dal ministro degli Affari esteri, Luigi Di Maio, che ha chiuso le porte al partito di cui era capofila. 2018, ha portato il suo bagaglio una cinquantina di parlamentari. Ufficialmente il motivo di questo divorzio è una questione di politica estera: non condivide la linea del suo successore, Giuseppe Conte, è molto ambiguo sull’Ucraina ed è contrario all’invio di armi a Kiev. Luigi Di Maio afferma di voler agire in base alla sua lealtà nei confronti di Mario Draghi. La sua scelta, infatti, non fa che confermare che gli equilibri politici emersi dalle elezioni del 2018 sono superati.

READ  L'Italia non vuole la guerra ma il suo esercito è pronto

Viene ricevuto anche dal Capo dello Stato, Giuseppe Conte, parlando di un atto “pericoloso” di Mario Draghi, che accusa di aver dato il via libera all’operazione. L’incoerenza del Movimento Cinque Stelle, che ancora rischia di lasciare la maggioranza, spinge anche la Lega di Matteo Salvini ad alzare la voce. Quindi il presidente del Consiglio “tecnico” si trova obbligato a intervenire nel gioco politico, perché se il piano di ripresa europeo continua a progredire – il governo ha raggiunto gli obiettivi del primo semestre 2022 e ha chiesto lo svincolo della seconda tranche da 25 miliardi . Euro alla Commissione – Il lavoro del Parlamento sembra essere molto meno efficace.

Il pericolo è che ora i partiti utilizzino le camere per confrontarsi ideologicamente, colpendo le cause della guerra. In quel ragionamento si inserisce il disegno di legge di sinistra sulla cittadinanza – che faciliterebbe la naturalizzazione dei minori stranieri, linea rossa a destra. È difficile credere che il testo possa trovare voti da passare, ma è molto probabile che questa sia stata la prima indicazione di una campagna elettorale in corso con i distretti diventati ingovernabili. Uno stallo, in un parlamento diviso, non è lontano.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.