Italia: gli indiani manifestano contro la “schiavitù” dopo la morte di un lavoratore privo di documenti

Italia: gli indiani manifestano contro la “schiavitù” dopo la morte di un lavoratore privo di documenti

Migliaia di lavoratori agricoli indiani hanno manifestato martedì 25 giugno per chiedere giustizia e la fine della “schiavitù” in Italia dopo la tragica morte di un lavoratore, che ha messo in luce il brutale sfruttamento dei migranti privi di documenti. Satnam Singh, un lavoratore clandestino di 31 anni, è morto la settimana scorsa dopo che una macchina gli aveva amputato il braccio. Il suo datore di lavoro lo ha abbandonato sul ciglio della strada, con l’arto mozzato.

“È stato buttato fuori come un cane. C’è sfruttamento, ne soffriamo ogni giorno, deve finire”, ha detto Gurmukh Singh, capo della comunità indiana nel Lazio, nel centro Italia. “Veniamo qui per lavorare, non per morire”, ha detto all’AFP. I bambini tenevano cartelli colorati con la scritta “Giustizia per Satnam Singh” mentre il corteo si snodava per le strade di Latina, una cittadina in una zona rurale a sud di Roma che ospita decine di migliaia di lavoratori indiani.

Abuso sistemico. Dalla metà degli anni ’80 gli indiani lavorano nelle paludi pontine. Molti raccolgono zucche, porri, fagioli e pomodori. Altri lavorano nella produzione di mozzarelle. La tragica morte di Satnam Singh, che resta sotto inchiesta, ha riacceso il dibattito nella penisola sulla lotta agli abusi sistemici nel settore agricolo, dove l’uso di lavoratori privi di documenti e il loro sfruttamento da parte dei clan Shameless dei padroni sono all’ordine del giorno.

“Satnam è morto in un giorno, io muoio ogni giorno. Perché anch’io sono una vittima del lavoro», confida Parambar Singh, anche lui gravemente ferito a un occhio in un incidente sul lavoro. “Il mio capo ha detto che non poteva portarmi in ospedale perché non avevo un contratto”, dice il 33enne, che da allora ha difficoltà a lavorare. “Sono 10 mesi che aspetto giustizia”, lamenta.

READ  Tsunoda felice espatriato in Italia

I lavoratori vengono pagati in media 20 euro al giorno per 14 ore di lavoro, secondo l’Osservatorio Placido Rizzotto, che analizza le condizioni di lavoro dei lavoratori del settore agricolo. Il primo ministro di estrema destra Giorgia Meloni ha cercato di ridurre il numero di migranti privi di documenti in Italia, espandendo al contempo le rotte di migrazione legale per i lavoratori extracomunitari per combattere la carenza di manodopera.

“Atti disumani”. Ma secondo l’associazione agroindustriale Confagricoltura, solo il 30% dei lavoratori con visto si reca effettivamente in Italia, il che si traduce in una forza lavoro insufficiente per soddisfare le esigenze degli agricoltori. All’inizio di giugno, Meloni ha accusato le reti della criminalità organizzata di sfruttare il sistema dei visti italiano per contrabbandare migranti illegali. Lei stessa ha condannato “atti inumani” dicendo “speriamo che questa barbarie venga punita duramente”.

La Guardia di Finanza italiana ha identificato quasi 60.000 lavoratori privi di documenti tra gennaio 2023 e giugno 2024. Ma il più grande sindacato italiano, la CGIL, stima che fino a 230.000 persone, ovvero più di un quarto dei lavoratori agricoli stagionali del Paese, non hanno un contratto. Mentre alcuni sono italiani, la maggior parte sono stranieri. Le donne sono particolarmente svantaggiate: guadagnano anche meno dei loro colleghi maschi e talvolta sono vittime di sfruttamento sessuale, afferma il rapporto.

“Abbiamo tutti bisogno di contratti di lavoro regolari per non rimanere intrappolati in questa schiavitù”, insiste Kaur Akveer, 37 anni, in mezzo a un gruppo di donne vestite con sari colorati che camminano dietro i funzionari. “Satnam era come mio fratello. Deve essere l’ultimo indiano a morire”, conclude.

READ  un italiano alla guida dei Blues

Ella IDE

© Agenzia France-Presse

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *