Italia: giovedì il governo crolla dall’interno e il presidente del Consiglio Mario Draghi si dimette

ROMA (Reuters) – Il premier italiano Mario Draghi ha rassegnato le dimissioni giovedì dopo che i principali alleati della coalizione di governo hanno boicottato un voto di fiducia, aumentando la prospettiva di elezioni anticipate.

Mario Draghi ha presentato le sue dimissioni al presidente Sergio Mattarella, che la scorsa settimana ha respinto un’analoga proposta di dimissioni.

Il governo di unità nazionale del primo ministro Draghi è crollato mercoledì dopo che i membri della sua coalizione hanno respinto la sua richiesta di riorganizzarsi per completare il mandato della legislatura e garantire l’attuazione del pacchetto di stimolo pandemico finanziato dall’UE.

Invece, i partiti di centrodestra di Forza Italia, Lega e Movimento populista 5 Stelle hanno boicottato il voto di fiducia al Senato nel segno evidente che si era concluso con i 17 mesi di governo di Mario Draghi.

I giornali italiani sono stati uniti giovedì nella loro rabbia per il risultato, mentre l’Italia è alle prese con l’aumento dell’inflazione e dei costi energetici, la guerra russa all’Ucraina e le riforme in corso necessarie per garantire il resto del fondo di ripresa europeo da 200 miliardi di euro.

Il presidente Mattarella incontrerà più tardi giovedì i presidenti di Camera e Senato. Queste consultazioni precedono generalmente un annuncio pubblico delle loro intenzioni.

READ  La regione euromediterranea: un'integrazione ponderata per affrontare le sfide comuni

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.