Italia: deficit commerciale di oltre 31 miliardi in nove mesi

Milano (awp/afp) – L’Italia ha registrato nei primi nove mesi dell’anno un deficit commerciale di oltre 31 miliardi di euro (poco meno in franchi svizzeri), sotto l’effetto dell’impennata dei prezzi dell’energia, l’Istituto nazionale di statistica (Istat) detto giovedì.

A settembre, la terza economia della zona euro ha registrato un deficit di 6,45 miliardi di euro, rispetto a un surplus commerciale di 1,44 miliardi di euro nello stesso mese dell’anno precedente.

Mentre le esportazioni sono aumentate del 21,6% su base annua a settembre, l’aumento delle importazioni è stato molto più elevato, con un aumento del 40,4%, sebbene più lento rispetto ad agosto a causa del calo dei prezzi di petrolio e gas. .

Il deficit energetico dell’Italia è aumentato significativamente a settembre nell’arco di un anno, a 12,43 miliardi di euro contro i 4,53 miliardi dell’anno precedente, ha affermato l’istituto. In nove mesi, questo deficit ha raggiunto più di 85 miliardi di euro.

I mercati che hanno maggiormente contribuito all’aumento delle esportazioni su un anno sono stati gli Stati Uniti (+48,6%), la Francia (+18,8%), la Germania (+14,8%) ei paesi dell’OPEC (+49,1%).

Si è accentuato il calo delle esportazioni verso la Russia (-34,6%), sotto l’effetto dell’invasione dell’Ucraina.

Tra i settori che hanno visto aumentare maggiormente le proprie esportazioni in un anno sono stati farmaceutici e botanici (+36,2%), macchinari e attrezzature (+13,9%), metalli di base e prodotti in metallo (+15,5%) e alimentari, bevande e tabacco (+ 19,8%).

Nel 2021 l’Italia aveva registrato un surplus di 50,4 miliardi di euro, in calo rispetto ai 63,3 miliardi registrati l’anno precedente, nonostante un forte aumento delle esportazioni.

afp/jh

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.