“Io Capitano”, diretto da Matteo Garrone, è stato girato in Marocco e affronta il tema dell'immigrazione al contrario

“Io Capitano”, diretto da Matteo Garrone, è stato girato in Marocco e affronta il tema dell'immigrazione al contrario

Tendiamo a vedere nel tuo film un approccio documentaristico, soprattutto perché è il risultato di un processo collettivo, in cui hai coinvolto migranti che volevano parlare della loro rischiosa esperienza di traversata in mare.

Tutto è iniziato in Sicilia, quando ho letto la storia di un adolescente senegalese che guidava una barca di migranti verso l'Italia, senza sapere come controllare un'auto. L'ho conosciuto a Catania quando aveva 15 anni. Poi ho fatto delle ricerche per documentarmi, prima del film, raccogliendo foto e video che ripercorrevano i viaggi migratori in mare, e questa fase di preparazione è stata molto difficile, emotivamente. Non possiamo rimanere indifferenti al dolore umano.

Ho poi cercato di incontrare molte altre persone che avevano intrapreso questo viaggio. Insieme abbiamo cominciato a scrivere la storia del film che avete visto, che oggi può essere raccontato grazie a quelle persone che lo hanno vissuto, e che si sono uniti per ricrearlo nel cinema. Quindi il mio ruolo è stato piuttosto quello di un mediatore, mettendo la mia visione della produzione al loro servizio e al servizio della loro storia di vita, in modo che potessero parlare da soli e dire le cose dalla loro prospettiva.

Per me è stato importante lavorare sul tema della migrazione, che viene messo in luce più che mai in tutto il mondo ma spesso attraverso una prospettiva ristretta, che non sempre permette al migrante di esprimere la propria vita. Ho voluto realizzare il film come una sorta di controcampo, per suggerire una visione diversa, interrogarsi in modo diverso, e questa volta per evidenziare un'esperienza di migrazione reale, vissuta da coloro che ce la raccontano.

Ho fotografato in diversi luoghi, località e regioni, soprattutto in Marocco. Dove hai viaggiato durante le riprese?

Ho fotografato in diverse zone. Siamo stati nel deserto del Niger, ad Agadez, e nel deserto del Marocco vicino a Erfoud. Per gli eventi che si svolgono in Libia nel film, abbiamo impostato la nostra location a Casablanca. Ne abbiamo girato una parte alla periferia della città. Per quanto riguarda le scene ambientate nel carcere gestito dalla mafia libica, abbiamo ambientato il nostro film anche all'interno degli edifici esistenti di Casablanca. In totale, il periodo delle riprese in Marocco è durato due mesi. Successivamente abbiamo girato le scene della barca in mare in Sicilia.

Ho usato molto i simboli, attraverso le immagini o i personaggi stessi. Ho ritratto la figura della madre, che ha una grande importanza nella nostra cultura africana e mediterranea. L'attrice senegalese Ndi Khadi Sy, proveniente principalmente dal teatro, ha interpretato la madre di Seydou, interpretando un personaggio molto forte e imponente con la sua presenza. Come è stata scelta l'attrice?

READ  Italia, Svizzera, Turchia, Galles... Ecco le partite di oggi

La figura della madre, infatti, è solitamente molto importante nelle nostre società, e in Italia non facciamo eccezione! Con la troupe eravamo ben consapevoli che fosse molto importante prestare molta attenzione nella scelta dell'attrice che avrebbe incarnato questo personaggio, che doveva essere profondamente umana, empatica, molto forte e sensibile allo stesso tempo. Abbiamo immaginato la madre di Sidhu essere tutto questo, perché più si investiva pienamente nel suo ruolo protettivo, più diventava stridente la contraddizione con la promessa fatta al figlio, che voleva convincere a non andarsene. Che finirà per seguire il cugino in questo viaggio.

Il nostro bisogno di sottolineare chiaramente la colpa di Sidhu era basato sulla forza del carattere di sua madre. Pertanto, abbiamo scelto con molta attenzione l'attrice per questo ruolo. Abbiamo scoperto Ndeye Khady Sy in Senegal. È molto professionale, molto talentuosa, straordinariamente espressiva e ha così tanta grazia. Con il suo modo di essere, è entrata davvero nell'aspetto del personaggio. Era pienamente coinvolta e completamente investita in lui, come una madre per suo figlio.

Anche la scelta di Seydou Sarr non è stata casuale. Ha mostrato un alto talento recitativo, grazie alla sua capacità di lavorare sull'espressione soprattutto attraverso lo sguardo, e di conciliare le emozioni con grande flessibilità, passando da un adolescente invaso dalle sue paure dell'ignoto, ad un precoce, spericolato e adulto guidato. Attraverso il senso di responsabilità. Come è stata attuata la regia degli attori?

Nell'ambito di un casting call che abbiamo organizzato in Senegal, abbiamo conosciuto moltissimi giovani. Quando ho visto la performance di Sidhu Sar tra loro, ho visto un attore forte attraverso la sua spontaneità e compassione. Sullo schermo rimango felicemente stupito dal suo altissimo livello di interpretazione cinematografica, che ci regala dall'inizio alla fine del film. Sono stato molto fortunato a trovare Sidhu, perché era la forza più grande nel lavoro con la sua recitazione, umanità e spiritualità. La sua innocenza arriva dritta al cuore degli spettatori.

Sappiamo che il cinema è fatto di emozioni. Se gli attori sono comprensivi, le emozioni funzionano in tutta la loro bellezza, immergendoci nei personaggi, in una forma di comunicazione che potrebbe anche fare a meno di qualsiasi battuta. È così che possiamo vivere un'esperienza umana ed emotiva con questi attori, alla fine del percorso di vita mentre accompagniamo questi ruoli, che in definitiva ci raccontano l'essere umani.

Sappiamo anche che alla fine di questo viaggio migratorio le persone muoiono in mare, ma non abbiamo mai avuto un'esperienza simile con loro prima. Per prepararsi al suo ruolo, lo stesso Sidhu si è immerso tra gli immigrati che avevano già vissuto queste esperienze. Mentre Sidhu studiava il suo ruolo, scopriva anche cose che non sapeva. Questo lo ha aiutato molto a ottenere l'aspetto del personaggio.

READ  Sei bambini sono stati trattenuti per diversi giorni con i loro genitori a Mudan

Seydou Sarr e Mustafa cadono a Io Capitano

Successivamente, l'elemento chiave per il successo della sua interpretazione è che ha messo gran parte della sua personalità nel ruolo, rendendo il suo personaggio molto simpatico. Quest'ultimo rimane umano fino alla fine. Come spettatori, siamo in sospeso e vogliamo che rimanga sano e salvo. È una manna dal cielo avere con noi un attore che è riuscito in un'interpretazione così intensamente emotiva e che l'ha interpretata con totale sincerità.

Nella parte finale del film ho scelto inquadrature strette, in movimento, che mettono in risalto l'immersione con i migranti sulla barca. Sapendo che queste riprese sono state effettivamente scattate in mare, in che misura sei riuscito a controllare la situazione?

Fotografare su una barca in mare è sempre un esercizio molto difficile. Lo spazio è molto limitato e a bordo eravamo in tanti. Abbiamo utilizzato una fotocamera montata sulla spalla e abbiamo ristretto le inquadrature con precisione per ottenere l'effetto del movimento. Ma devo dire che queste riprese riguardano più la realtà che la recitazione o la direzione degli attori, perché gli immigrati che vi hanno partecipato spesso ricreavano ciò che avevano realmente vissuto.

Ad essere sincero riguardo a questa parte, posso dirti che sono stato il loro primo spettatore, guardando e chiedendomi cosa sarebbe successo dopo! Lascio semplicemente che esprimano ciò che vogliono, senza interferire o imporre loro alcuna restrizione.

È un film in cui abbiamo lavorato tutti insieme, fianco a fianco, con la predisposizione di adottare un approccio in cui ci basiamo principalmente sulla ricostruzione di situazioni reali e documentate.

Questa è la prima volta che il tuo lavoro viene esposto in Africa. Nella tua presentazione, hai elogiato gli immigrati, così come il popolo marocchino, soprattutto perché hai utilizzato le competenze locali durante le riprese. Li hai salutati specificatamente dicendo: “Abbiamo fatto questo film insieme”. Come ti senti ora che è stato presentato qui?

Mi sento così sollevato! Onestamente non sapevo come il pubblico avrebbe accolto il nostro film in Marocco e mi sono posto molte domande. Il fatto che sia stato accolto così bene, con i giovani attori che hanno ricevuto elogi lunghi e intensi da parte del pubblico, ci fa credere che possiamo esporre quest'opera a un pubblico più ampio in tutta l'Africa, essendo un po' più sicuri della percezione. Saremo felici di farlo.

Gli attori principali del film raccontano il loro battesimo sul grande schermo

Mustapha Fall (nel ruolo del cugino di Sidou): “In Senegal facevo già teatro. Stare sul set mi ha insegnato che recitare nel cinema era completamente diverso da quello che conoscevo sul palco. Partecipare al cinema mi ha insegnato anche che ci sono persone che soffrono, sperando solo di ottenere una vita migliore. Ho anche imparato lezioni di vita che cambieranno per sempre la mia visione delle cose. Se dovessi rifarlo, non esiterei in nessun momento, perché attraverso questo ruolo ho avuto l'onore di essere, in un certo senso, la voce di chi non ha voce. “È motivo di grande orgoglio per me. Ho sempre sognato di diventare un attore internazionale. Con questo primo film, sarò felice che questo sia solo l'inizio.

READ  Recensione: Krypton – Senoropa

Seydou Sar (come Seydou): “Quando ero giovane, ho sempre sognato di diventare un calciatore. Non avevo mai fatto cinema o teatro. Quindi è stata la prima volta che recitavo davanti alla telecamera, cosa che mi ha permesso di scoprire un nuovo mondo e fare esperienza. Questo film ha realizzato crescere: ho imparato cose che non conoscevo, e ho conosciuto immigrati che hanno vissuto concretamente le situazioni raccontate in quest'opera, anche se ne avevo appena sentito parlare. Essere associato a questo lavoro mi ha permesso di conoscere queste persone e immagina cosa hanno passato. Cellule che abbiamo consegnato alle tragedie popolari in Australia, Matteo Garrone ha molti soldi con me per sviluppare le mie capacità e incontrare la mia personalità.

Le riprese a volte sono state molto difficili, emotivamente, ma ce l'abbiamo fatta. La parte più difficile per me è stata proprio ciò che abbiamo girato in Marocco. Nelle scene nel cuore del deserto, quando i migranti attraversavano a piedi il trafficante, il personaggio che interpretavo era chiamato ad aiutare uno dei migranti, che stava morendo. Nella vita reale, mio ​​padre è morto tra le mie braccia, proprio come nella scena del film. Quindi è stato molto difficile per me fotografarlo, perché lo vivevo come un ricordo della morte di mio nonno.

In questo film molte scene sono state ripetute più volte. Grazie al movimento che è installato nella cella, tutti abbiamo un premio unico e questo è l'ultimo finale, posso continuare a metterlo sulla targa dell'auto se non viaggio dal migrante, ma anche da mio padre . Ma allo stesso tempo, interpretare quella scena mi ha aiutato molto, perché ormai faceva parte del mio processo di elaborazione del lutto.

Vorrei dire infine che questo film mi ha fatto conoscere un talento che non conoscevo e che mi è stato rivelato grazie alla mia partecipazione. Come Mustafa, anch’io spero che questo sia solo l’inizio.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *