Intrappolati nella scienza, escono dalla loro caverna dopo 40 giorni – rts.ch

I quindici membri della spedizione che erano stati detenuti volontariamente in una grotta nei Pirenei per 40 giorni hanno trovato la luce del giorno sabato. Hanno raccontato le loro esperienze, segnate da un sonno asincrono ma anche dallo “stupore” di fronte a questo ambiente.

Accecati dal sole, indossando occhiali da sole, i membri della spedizione Deep Time si ricollegarono al mondo esterno, i loro volti leggermente pallidi ma in buone condizioni.

Senza orologio, telefono o luce naturale, i quindici volontari, guidati dall’esploratore franco-svizzero Christian Klot, hanno dovuto abituarsi ai 10,5 gradi e al 100% di umidità nella grotta di Lombrives, ad Areej, per generare la propria elettricità con un pedale barca un sistema di presa dell’acqua di 45 metri.

>> Leggi: Studia gli effetti della mancanza di segni del tempo isolandoti in una grotta

Effetto dell’umidità

“L’umidità è molto influente. Abbiamo visto con il passare del tempo e l’esaurimento la necessità di aumentare il cibo”, ha detto Christian Klot, che ha parlato a lungo alla stampa.

In particolare, altri partecipanti hanno indicato che sentivano passare molto meno tempo quando sono stati avvertiti che il periodo di 40 giorni era scaduto.

“È stato un vero shock. Pensavo che mancassero ancora cinque o sei giorni”, ha detto Emily Kim Fu, un’infermiera di 29 anni che faceva parte del gruppo.

Nessun segno di tempo

Durante l’esperimento, i partecipanti hanno anche notato una grande variazione nei loro cicli di sonno. Quindi, quando alcune persone si alzavano, altre andavano a letto.

“Non avevamo indicatori di tempo”, ha detto Tiffin Voire, 32 anni, psicoterapeuta psicomotorio. “Avremmo potuto dormire di più in alcune notti e di meno in altre”, ha detto Mary Caroline Lagash, orafa di 50 anni.

READ  Scegli la giusta protezione solare per prevenire il cancro

“Non ricordo i miei sogni. Ho avuto una bella sorpresa. Ricordo alcuni sogni nella grotta”, ha detto Arnod Borrell, un biologo di 29 anni.

>> Trova spiegazioni per l’esperienza Deep Time nel CQFD:

Deep Time: un’esperienza scientifica senza precedenti / CQFD / 17 min. 4 marzo 2021

Torna alla verità

Il signor Clot, fondatore dell’Istituto per l’adattamento umano, ha confermato di aver appena appreso che c’era un “nuovo confino in Francia” e ha parlato di “un ritorno alla realtà”, osservando che l’assenza di una maschera nella grotta era una “forma interessante di libertà”.

Tuttavia, secondo l’esploratore franco-svizzero, Deep Time mira a studiare la nostra capacità di adattarci alla perdita di pietre miliari spaziali e temporali, una questione che è stata particolarmente sollevata con la crisi sanitaria.

afp / kkub

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *