Influenza aviaria: “Non c’è altra soluzione a lungo termine” che un vaccino, ministro

il Ministro dell’agricoltura Julian Dinormandy Venerdì 7 gennaio è stato annunciato che c’era “Non c’è altra soluzione a lungo termine che farsi vaccinare”. per combattere l’influenza aviaria, annunciando l’imminente avvio di una fase pilota di Due vaccini, uno da un laboratorio in Nuova Aquitania..

‘Protezione di base

Il tema della vaccinazione negli allevamenti avicoli “essenziale” La Francia ha visto 63 focolai di influenza aviaria ad alta patogenicità negli allevamenti venerdì sera, rispetto ai 46 del giorno prima, ha affermato il ministro.

colui il quale Non dovrebbe essere un argomento tabù.Ha aggiunto davanti ai giornalisti a Mont-de-Marsan, dove ha incontrato allevatori e funzionari eletti, mentre il numero di focolai continua ad aumentare in Francia.

Maschio Julian Dinormandia “Grande incontro con i professionisti del settore il 12 gennaio per definire aree e protocolli” da queste esperienze. Siamo il primo paese europeo a presentare [ça] al suo posto. Sarà poi necessario ottenere l’approvazione a livello europeo, e quindi sarà necessario riuscire a convincere gli altri Stati membri dell’interesse per la vaccinazione»., Egli ha detto.

Alcune aree gravemente colpite

Giovedì 6 gennaio, il verdetto dei professionisti del Foie Gras “indispensabile” La futura vaccinazione delle anatre contro l’influenza aviaria, un virus trasmesso dagli uccelli migratori che infetta la Francia per la quarta volta dal 2015, comportando ogni volta grandi costi e perdite per gli agricoltori e lo Stato.

Finora, secondo il sito web del Ministero dell’Agricoltura, Non esiste un vaccino adatto per gli uccelli della famiglia degli Anatidi [palmipèdes] Non autorizzato dalla Commissione Europea”. D’altra parte, ce n’è uno per pollo e tacchino.

Dei 63 allevamenti colpiti, una grande metà (33 focolai) si trova nel solo Dipartimento delle Terre, dove sono stati macellati circa 155.000 polli da quando è stato scoperto il primo focolaio a metà dicembre.

READ  Elezioni comunali: dov'è l'ambiente?

Il precedente episodio di influenza aviaria, lo scorso inverno, ha provocato l’uccisione di 3,5 milioni di uccelli, per lo più anatre, nel sud-ovest, cuore del foie gras.

Rinnoveremo i meccanismi di compensazione che sono stati messi in atto lo scorso anno. nella provincia del Nord [où les sept premiers foyers français ont été détectés, à partir 26 novembre]Già aperto. A Landes saranno disponibili da metà gennaio”.Il ministro ha rassicurato.

ministro fiducioso

Se Julian Dinormandy descrive la situazione attuale come “Molto inquietante”, ha anche confermato che era lì nelle Landes Tre volte meno casi. dall’anno scorso nello stesso periodo.

“Abbiamo un’interazione che non può essere paragonata allo scorso anno”.Ha sottolineato di essere pronto ad adattare i protocolli esistenti all’evolversi della situazione.

Al contrario, l’Unione Agricola MODIF ha denunciato le misure a breve termine e ha sollevato i rischi “Ripetere queste crisi ogni anno”.

“Mentre i flussi di persone e mezzi di trasporto sono stati a lungo elencati come i principali fattori di rischio nella diffusione del virus, i servizi statali non hanno attuato alcun controllo a questo livello e ancor meno la concentrazione di animali in determinate aree e allevamenti”., denuncia il sindacato, che difende i piccoli agricoltori che praticano la vita all’aria aperta.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *