“In un anno ho imparato molto su me stesso”

La vice campionessa del mondo 2018, la fiorentina francese ha parlato con Le Figaro delle sue ambizioni a Tokyo e di come sia riuscita a gestire un lungo periodo senza competizione che ha influito sulla scherma.

Ysaora, dovrai aspettare molto tempo per questi giochi di Tokyo…
Yousora Tebe; (Sorride) Sì, è vero che abbiamo dovuto essere pazienti con quest’anno di rinvio. Ma lì, sono felice di essere lì e di stare bene. I miei preparativi sono andati bene.

Pensi che quest’anno di differimento ti sia stato vantaggioso?
Più forte, non lo so, ma necessariamente diverso. Ho imparato molto durante questo periodo molto speciale. Mi è stato chiesto molto di adattamento e di domande. Le soluzioni dovevano essere trovate nonostante le avversità, nonostante situazioni complesse di formazione e preparazione. Ho imparato molto su me stesso e su ciò che sono stato in grado di ottenere. Poi, nella mia scherma, questo periodo mi ha dato più tempo per mettere a posto le cose e rivedere altre che in precedenza avevo avuto la tendenza a lasciare da parte. Per riassumere, sono un atleta che ha potuto allenarsi un anno in più (sorride).

Mantenere la stessa energia per continuare il corso non è stato facile.

Yosora Tebe

Hai avuto momenti di dubbio durante questo lungo periodo senza una competizione ufficiale?
Sì, ho avuto momenti in cui ho perso la motivazione. Soprattutto all’inizio, quando c’è stato l’annuncio del rinvio e non avevamo idea di dove stessimo andando. In quel momento, metti in prospettiva molte cose, probabilmente molte, perché non hai più l’obiettivo principale che ti ha mosso. Inoltre, nella scherma, abbiamo avuto un intervallo di un anno senza alcuna competizione formale. È stato un lungo periodo di inattività, con molti alti e bassi. Soprattutto dall’inizio della crisi sanitaria, sono stato negli Stati Uniti dove l’allenamento è stato davvero complicato. Successivamente sono tornato a Parigi e ho potuto svolgere un’attività più regolare. Ma tutto questo ha inevitabilmente destato a volte dei sospetti. Mantenere la stessa energia per continuare il corso non è stato facile. Ecco perché ho detto che ho imparato molto anche su me stesso.

Come sei riuscito a fugare questi dubbi? Ti sei affidato al tuo amico (lo schermidore americano Race Imboden) che stava passando la tua stessa cosa?
Penso che ci fossero molte cose. La cosa più importante era avere i miei cari al mio fianco nei momenti cruciali. Il loro supporto quando ero in dubbio o quando la mia motivazione svaniva era fondamentale. Sono stata seguita anche da Maryam Salmi, psicologa fin dall’inizio. Era costantemente lì durante questo periodo per rispondere alle mie domande. È stata molto utile. Mentalmente penso sia stato il periodo più difficile che ho corso per me, ma anche per tanti atleti che si sono trovati senza competizione, senza standard. C’era anche Maguy Nestoret dell’Agenzia Nazionale per lo Sport (ANS) che mi ha aiutato a mettere insieme un piano di preparazione di sei mesi per questi giochi perché in questo periodo la transizione era spesso la più complessa. C’era la mia federazione che prima creavo un progetto ibrido tra Insep e Italia (il cui allenatore è italiano). Infine c’era la mia famiglia in Guadalupa, dove andavo per ricaricare le batterie, e il mio compagno, anche se era difficile da gestire perché era rimasto negli Stati Uniti mentre io ero a Parigi. Sono tante le persone che mi hanno sostenuto e che credono in me, nel mio progetto di essere un campione olimpico.

ho anche licenziato Piattaforma multimediale Instagram, EssentiElles. Era importante per te in questo momento liberare la mente e fare qualcos’altro?
Sì, sicuramente. Avevo bisogno di annullare la scherma, che è uno sport difficile. Tuttavia, non possiamo entrare in una stanza o trovarci di fronte a un avversario. Allenarsi da solo è stato difficile. Così ho colto l’occasione per chiedermi cosa avrei voluto fare per così tanto tempo, e non ho avuto il tempo di ottenere. Improvvisamente ho creato questa piattaforma che si allinea con i miei valori e convinzioni. Mette in risalto le caratteristiche di una donna atletica e sono orgoglioso di ciò che offre. Mi ha permesso di liberare la mente, costruirmi come donna e coltivare un obiettivo personale.

Dimentichiamo che dietro ogni eroe a volte ci sono momenti difficili da attraversare.

Yosora Tebe

Parlando con campioni di altre discipline, hai imparato qualcosa?
Sì molto. Il concetto di base era la discussione tra atlete di alto rango su ciò che abbiamo vissuto nello sport, spesso in un ambiente molto maschile. Ho avuto discussioni davvero interessanti su una varietà di argomenti, come con Estelle Mossely (boxe) sull’essere madre e l’essere un’atleta. O con Sandrine Groda (basket) con cui abbiamo discusso della difficoltà di saltare dopo un fallimento o un infortunio. Posso citare molti altri esempi che mi hanno colpito a livello umano, e spero anche chi li ha visti. Inoltre, in questo contesto, eravamo molto in disparte e questo ci ha permesso di rimanere in contatto gli uni con gli altri e parlare di questi tempi difficili. C’è questo concetto di atleta che deve essere sempre perfetto, molto motivato, per vincere, e ci dimentichiamo che dietro ogni campione, a volte ci sono momenti difficili che si attraversano. Volevo toccare con mano questo aspetto.

Rassicurami, tutto questo non ha placato la tua sete di oro?
(ride) No, penso anche che sia complementare. Ero in America quando è decollato il movimento Black Lives Matter e ho anche avuto l’opportunità di fare alcune importanti ricerche personali su me stessa come donna. E ora so perché sto facendo tutto questo, perché continuo ad allenarmi e, alla fine, perché vincere la medaglia d’oro ai Giochi è così importante per me.

READ  Judo: due medaglie aggiuntive per il Canada

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *