In Italia l’isola di Procida è stata appena eletta Capitale Italiana della Cultura 2022

Il Palazzo Avalo sull’isola di Procida, situato nel Golfo di Napoli. (BRUCE DE GALZAIN / RADIOFRANCE)

È la più piccola e la meno conosciuta delle isole del Golfo di Napoli: Procida è stata appena eletta Capitale Italiana della Cultura 2022 in Italia. Una prima assoluta per un paese così piccolo, l’isola ha convinto perché offre un progetto culturale e turistico innovativo.

Un laboratorio di idee come modello per il futuro con un turismo diverso, perché Procida è l’isola d’Europa con la più alta densità di popolazione. Ci sono circa 10.000 abitanti in 4 km², quindi il sindaco, che vedrà arrivare più turisti l’anno prossimo, vuole un turismo responsabile: “Non possiamo permetterci tutte queste distrazioni che alcuni turisti vogliono. Non esiste una discoteca permanente, ad esempio perché – ovunque sull’isola – disturberebbe i vicini. Saremo la capitale dell’isola della cultura, non la capitale della musica o del rock che porterebbe un gran numero di persone. Quelli a cui piace davvero la cultura non sono così tanti. E continuerà così, tanto meglio! Questo è ciò che rende possibile avere rapporti reali con le persone “.

Il turismo culturale esiste già a Procida e questo non cambierà. In ogni caso, il comune vuole approfittare del suo titolo ad esempio per investire nel Palazzo di Avalos che si affaccia sull’isola e sul mare dal 1554. Successivamente è stato trasformato in carcere fino agli anni ’80 ma da allora più niente. Il comune ha sequestrato il palazzo di 40.000 mq su quattro piani per farne un museo con le celle dei prigionieri, ma anche una parte moderna per mostre, convegni, il “polo culturale Palazzo di Avalos”.

L'ingresso al Palazzo Avalos sull'isola di Procida, situato nel Golfo di Napoli.
L’ingresso al Palazzo di Avalos sull’isola di Procida, situata nel Golfo di Napoli. (BRUCE DE GALZAIN / RADIO FRANCIA)

Il turismo quindi sarà culturale e pensiamo a Philippe Noiret nel 1994 in Il postino [Il Postino en italien] in parte girato a Procida. Philippe Noiret, allora, si truccava e riposava in un bungalow del campeggio di Giovanni, che oggi esita a vendere anche se, secondo lui, il turismo di domani dovrebbe cambiare in meglio. “Sarà un turismo di qualitàpensò Giovanni. Cercheremo di allungare la stagione da quattro a sette o addirittura otto mesi con eventi culturali in ogni momento. Procida è riuscita a mantenere il turismo accessibile a tutti – non è come Capri dove costa molto – ma inevitabilmente andremo verso un turismo un po ‘più d’élite, e i prezzi dovrebbero aumentare un po’ anche per fare una selezione perché su questa piccola isola, non possiamo avere il turismo di massa!

Dal suo campeggio, Giovanni ha una magnifica vista sulle case colorate de La Corricella e su una delle dieci spiagge della Piccola Procida da scoprire a piedi.

READ  Cos'è la miastenia oculare, la malattia che ha colpito Gattuso

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *