In Italia, l'ex boss mafioso Francesco Schiavone sceglie il pentimento

In Italia, l'ex boss mafioso Francesco Schiavone sceglie il pentimento

Dopo 26 anni di reclusione nel carcere di massima sicurezza di Parma, in Emilia-Romagna, Francesco Schiavone, ex capo di un potentissimo clan camorristico, ha deciso di collaborare con la giustizia. In cambio il criminale, condannato a diversi ergastoli, ha ottenuto di essere sottoposto a un regime detentivo meno severo nel carcere dell'Aquila, in Abruzzo.

Pubblicato su :

1 minuto

Con il nostro corrispondente da Roma, Anne Le Nir

Francesco Schiavone, 70 anni, ha dominato il clan dei Casalesi per decenni, fino all'11 luglio 1998, data del suo arresto a Casal di Principe, roccaforte napoletana di questo formidabile clan. Principale imputato nel maxiprocesso “Spartacus” contro la camorra, è stato condannato nel 2010 all'ergastolo per sei omicidi, tra cui quello del prete antimafia Giuseppe Diana, nel 1994.

Per la presidente della Commissione parlamentare antimafia, Chiara Colosimo, questo nuovo pentito rappresenta” l’ennesimo colpo alla criminalità organizzata “.

Tuttavia, alcuni specialisti della camorra ne mettono in dubbio l’affidabilità. “ Due dei suoi figli hanno deciso prima di lui di collaborare con la giustizia ma senza grandi risultati », osserva l'autore del bestseller Gomorra, Roberto Saviano. E aggiungere: “ Dubito che spiegherà dove sono i soldi della camorra e i suoi legami con gli ambienti politici. »

Leggi ancheArrestato in Corsica il leader “pericoloso” di un gruppo mafioso italiano

READ  Sinner: “Il tennis sta lasciando il segno in Italia”

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *