In Italia, gli ambienti economici favoriscono la candidata di estrema destra Giorgia Meloni

Villa d’Este a Cernobbio è uno dei luoghi più lussuosi e raffinati delle sponde del Lago di Como – questo la dice lunga. Costruito nel XVe Secolare, circondato da un rigoglioso parco di 25 ettari, questo paradiso rinascimentale circondato dalle montagne è stato trasformato in un hotel di lusso alla fine del XIX secolo.e secolo, e da allora ha mantenuto un’aura che ha mantenuto raffinatezza e saggezza.

Una volta all’anno, all’inizio di settembre, questo luogo top secret della forza apre le sue porte e si trova improvvisamente oggetto di interesse. Qui, infatti, si tiene il Forum Ambrosetti, spesso definito dai media italiani il “Mini Davos” lombardo. Per tre giorni, diplomatici, leader economici e politici di ogni ceto sociale si incontrano e si scambiano opinioni su questioni planetarie.

Ma a prescindere da queste considerazioni, Cernobbio è anche il posto migliore per testare le acque per le élite economiche del Paese. Anche l’edizione 2022 dell’incontro, che si è svolto dal 2 al 4 settembre, in piena campagna elettorale e in un contesto di incertezza planetaria, è stata esaminata con più interesse del normale.

Un’atmosfera piuttosto consensuale

Una persona in particolare ha attirato l’attenzione: la leader della formazione postfascista Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, che rischia di essere la vincitrice delle elezioni del 25 settembre, che andranno in scena dopo le dimissioni del presidente a luglio. Consigliere Mario Draghi. Nulla nel suo itinerario suggeriva che si sarebbe trovata nella terra occupata di Cernobbio. Lunga carriera combattiva con gruppi postfascisti, scetticismo europeo di lunga data e, forse peggio di tutto, origini romane: gli ostacoli non erano piccoli. Tuttavia, il leader dei Fratelli d’Italia ne è uscito con lode.

READ  L'Italia ha deciso di nazionalizzare l'acciaieria più grande e inquinante d'Europa
Leggi anche: Questo articolo è riservato ai nostri iscritti In campagna Giorgia Meloni, leader dell’estrema destra, ha denunciato il declino dell’Italia

“L’anno scorso, a Cernobbio, era al comando Mario Draghi e le élite economiche italiane volevano soprattutto durare il più a lungo possibile. Quest’anno, mentre sta per partire [il continue d’expédier les affaires courantes jusqu’à ce qu’un gouvernement soit formé après les élections]La sensazione generale era che non ci fosse molto di cui preoccuparsi nel contesto politico locale. Non mancano le aree di preoccupazione, dall’aumento dell’inflazione al ritorno della guerra sul suolo europeo, ma Giorgia Meloni non sembra essere una di queste”.che si fida regolarmente del forum Ambrositi, si stupisce di questo clima fondamentalmente un po’ consensuale.

Due settimane fa, durante l’incontro di Rimini, organizzato dal potente movimento cattolico Comunione e Liberazione, così ben radicato negli ambienti economici del nord del Paese, il leader postfascista era già stato molto elogiato, e non è stato superato dal scala di applausi dello stesso Mario Draghi. A Cernobbio l’accoglienza è stata meno unanime, ma più che amichevole.

Hai ancora il 63,13% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.